Sanità frentana, Tavani: «ignorati sì, presi in giro no»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1185

FARA SAN MARTINO. Il sindaco di Fara San Martino, Antonio Tavani, si fa promotore di un nuovo, durissimo intervento a tutela della sanità regionale, e in particolare del comprensorio frentano.


Nel mirino del primo cittadino, in particolare, la situazione sanitaria della Asl Lanciano-Vasto e l'operatore del suo manager Michele Caporossi.
«Anziché fare conferenze stampa in cui millantare il miglioramento dei servizi dell'ospedale di Casoli – tuona Tavani - e in generale della sanità frentana, farebbe meglio il manager della Asl Caporossi a dire ai sindaci dei Comuni del comprensorio, ma soprattutto ai cittadini, come stanno realmente le cose. E cioè che: il Pronto soccorso manca di personale per coprire i turni; la Dialisi è rimasta con un solo medico; il laboratorio analisi è rimasto con un solo tecnico; la Radiologia è in difficoltà per la mancanza/trasferimento di un altro tecnico radiologo».
Tavani punta dunque il dito contro Caporossi che «continua ad espletare – spiega - concorsi per personale amministrativo, nonostante vi siano denunce di illeciti. Vorremmo tanto dire, a questo signore – aggiunge il primo cittadino d Fara – che la prima manodopera necessaria e irrinunciabile di cui ha bisogno un ospedale è il personale medico e paramedico».
Altro aspetto che non va proprio giù a Tavani è di aver appreso dalla stampa che la relazione del manager ha incassato la fiducia dei sindaci del territorio: «ignorati sì – continua il sindaco – ma presi in giro no. Sono state tenute fuori ‘dal tavolo' – spiega ancora Tavani – le voci dissenzienti di alcuni sindaci non allineati e anche quella neutrale del comitato civico Pro ospedale che da sempre ha denunciato il continuo stillicidio del personale medico e paramedico».
Tavani conclude sottolineando le enormi difficoltà che i cittadini del comprensorio del Sangro-Aventino vivono quotidianamente per poter ricevere le cure sanitarie di cui necessitano: «come sempre – conclude amareggiato Tavani – questi signori percorrono le loro strade e i loro obiettivi a totale discapito dei cittadini e delle loro necessità».
12/07/2008 13.24