Tocco, l'energia del sole illuminerà il cimitero

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1415

TOCCO DA CASAURIA. L'amministrazione Comunale di Tocco da Casauria ha intenzione di installare un impianto fotovoltaico che alimenterà tutte le utenze elettriche del cimitero, pari a circa 5000kWh/anno.
Questo è un nuovo tentativo per il comune, dopo aver sottoscritto tre mesi fa una convenzione con la Società Fera srl di Milano per il potenziamento dell'attuale parco eolico. La produzione "ventosa"
totale annua sarà di circa 7500MWh a fronte di 2500MWh annui consumati dai cittadini. L'investimento per la realizzazione dell'impianto fotovoltaico del cimitero sarà di circa 20.000€, entrerà in produzione entro la fine di quest'anno e verrà ammortizzato, grazie al "conto energia", in meno di 7 anni dopo i quali l'impianto continuerà a produrre energia elettrica pagata dal Gestore al Comune.
«Rispetto a chi paventa ipotesi di rilancio "nucleare"», ha spiegato il sindaco Riziero Zaccagnini, «noi puntiamo invece su quello che la natura ci mette a disposizione senza rischio alcuno. Le piccole realtà locali, come la nostra, devono dimostrare che è possibile produrre in maniera pulita e non rischiosa l'energia che consumano. Noi a Tocco ci stiamo provando e riuscendo: basta confrontare i dati di energia elettrica prodotta e consumata sul nostro territorio».
L'ingegner Mario Di Donato, consigliere comunale con delega alle risorse energetiche ha ricordato che Tocco «è noto per il suo parco eolico e per l'eccezionalità dei ristori economici che è riuscito ad ottenere a fronte di tale insediamento. Noi pensiamo però che sia giunta l'ora di circoscrivere e limitare l'estensione degli insediamenti eolici sul nostro territorio», ha spiegato, «insediamenti comunque fortemente impattanti, e di puntare anche su altre tecnologie pulite per la produzione dell'ormai "preziosa" energia elettrica.
L'impianto fotovoltaico verrà installato sul tetto di uno degli edifici presenti nell'area del cimitero di Tocco e sarà realizzato con pannelli fotovoltaici di ultima generazione a doppia tecnologia (silicio amorfo e monocristallino)».


11/07/2008 9.40