San Giovanni in Venere, cade una piastrella dal soffitto

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1484

San Giovanni in Venere, cade una piastrella dal soffitto
FOSSACESIA. Una piastrella si è staccata dal soffitto di San Giovanni in Venere. A seguito di sopralluogo, le navate laterali sono state transennate in via precauzionale e sono stati previsti lavori d’urgenza per la messa in sicurezza a partire da lunedì prossimo.
Questo è quanto è scaturito dal controllo che è stato ieri effettuato dalla Prefettura di Chieti insieme al sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, e a tecnici della Soprintendenza, dei Vigili del Fuoco e del Comune di Fossacesia.
Ieri mattina si è tenuto un sopralluogo nella chiesa di San Giovanni in Venere per verificare la situazione del soffitto della navata sinistra, da cui si è staccata una piastrella del rivestimento interno. Presenti Luciano Conti, in rappresentanza della Prefettura di Chieti, Antonio Celenza, per la Soprintendenza ai Beni Architettonici, Padre Vincenzo Fabbri, economo provinciale dei padri passionisti, il superiore dell'Abbazia, Padre Pierluigi, il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, il responsabile dell'ufficio tecnico del Comune di Fossacesia, Giovanni Di Paolo, ed una squadra dei Vigili del Fuoco.
I tecnici hanno sollecitato un intervento sul soffitto di entrambe le navate laterali, per evitare ulteriori danni al rivestimento. La navata centrale, invece, non presenta problemi, avendo già beneficiato di un restauro alcuni anni fa. In attesa dei lavori che risolvano definitivamente il problema, si è deciso di intervenire posizionando una rete metallica subito sotto il soffitto delle navate, per evitare che altre piastrelle del rivestimento, staccandosi, cadano al suolo, mettendo a rischio l'incolumità dei fedeli.
Gli interventi di sistemazione dovrebbero iniziare già da lunedì prossimo, anche grazie all'impegno ed al contributo dei Padri Passionisti. Nel frattempo, le navate laterali sono state chiuse temporaneamente al pubblico mediante delle transenne posizionate dagli operai del Comune di Fossacesia: così fedeli e turisti potranno continuare a frequentare la chiesa senza rischi e saranno celebrate tutte le funzioni liturgiche e le cerimonie in programma.
«Abbiamo provveduto a tamponare l'emergenza. – ha dichiarato il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio – Mi auguro, però, che questa situazione agisca come una sveglia nei confronti di tutti gli enti interessati alla tutela San Giovanni in Venere. Faccio appello a tutti i rappresentanti delle istituzioni, degli enti pubblici ed alla classe politica nel suo complesso. L'Abbazia ha bisogno di una serie di interventi di manutenzione al suo interno, dalla chiesa alla cripta, fino al chiostro. Vorrei rimarcare come questa Amministrazione, invece, abbia fatto grandi investimenti per sistemare e valorizzare tutta l'area di sua competenza all'esterno del monastero. Ho già lanciato più volte questo grido d'allarme, che purtroppo è rimasto finora inascoltato. Auspico che ora si possa collaborare tutti insieme, ed al più presto, per la salvaguardia e la valorizzazione di uno dei monumenti più importanti d'Abruzzo».

05/07/2008 8.28