Un progetto per tutelare l’orso, Wwf e Ministero collaborano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1749

ABRUZZO. Per favorire la convivenza uomo- orso il Wwf Italia ha avviato una iniziativa che coinvolge gli enti degli Appennini e delle Alpi, con il supporto del Ministero dell’Ambiente.  


ABRUZZO. Per favorire la convivenza uomo- orso il Wwf Italia ha avviato una iniziativa che coinvolge gli enti degli Appennini e delle Alpi, con il supporto del Ministero dell'Ambiente.

 




Il primo passo è la fornitura di recinti elettrificati per la difesa delle greggi e degli apiari con i quali si intende promuovere l'uso di sistemi di prevenzione da parte delle categorie interessate fornendo assistenza, informazioni e formazione per incrementare la conoscenza e facilitare la convivenza con l'Orso.
Queste sono le due misure principali messe in campo per l'Orso bruno marsicano e per l'Orso bruno alpino.
L'operazione recinti è partita ieri da Pescara dove sono stati presentati i primi recinti elettrificati che saranno distribuiti sul territorio dell'Appennino centrale.
All'interno dell'areale storico dell'orso nell'Appennino che comprende le regioni Abruzzo, Lazio e Molise, questa attività verrà fatta in collaborazione con gli Enti territoriali e con il Corpo Forestale dello Stato.
Protagonisti di questo primo passo sono stati i bambini della Scuola Primaria San Vito Chietino che durante l'anno scolastico appena concluso hanno raccolto ben 700 euro per contribuire al finanziamento del progetto.
«Nella società civile sono vivi la sensazione di frustrazione ed il timore che possano ripetersi tragedie come quelle degli orsi avvelenati in Abruzzo e degli orsi uccisi sulle Alpi. Questo ha spinto il WWF ad adoperarsi perché si possano adottare politiche di prevenzione ed interventi utili per evitare contrasti con le attività agricole e silvopastorali» ha detto Massimiliano Rocco, responsabile del programma Orso per l'Appennino centrale del WWF Italia.
Nelle Alpi dove l'Orso bruno è stato solo di recente reintrodotto e la popolazione ha perso la confidenza e l'abitudine alle buone pratiche che minimizzano i danni dei grandi predatori, il WWF Italia fornirà nelle prossime settimane recinti elettrificati in comodato gratuito privilegiando gli apicoltori e gli allevatori che accettano di adottare anche altre forme di prevenzione ed avvantaggiare le realtà economiche al di fuori delle aree protette, ora meno tutelate, e dove l'orso ha già provocato danni.
30/06/2008 9.15