Metrologia, adesso i controlli spettano ai Comuni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1375

Metrologia, adesso i controlli spettano ai Comuni
ABRUZZO. Sono state trasferite dalle Camere di Commercio ai Comuni le competenze in materia di metrologia legale e di sicurezza dei prodotti (decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112, concernente " Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria").
L'Ufficio Metrico presso la Camera di Commercio era quello che si occupava di effettuare la verifica e la sorveglianza degli strumenti metrici utilizzati dai commercianti (bilance, misuratori di carburanti ed altri liquidi, misuratori del gas, sdoganatori di prodotti petroliferi, etc….) e conservare il registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi.
Adesso il compito è passato ai Comuni che dovranno individuare un responsabile delle attività finalizzate alla tutela del consumatore e della fede pubblica, con particolare riferimento ai compiti in materia di controllo di conformità dei prodotti e strumenti di misura già svolti dagli uffici di cui al precedente periodo.
Per quanto riguarda i metalli preziosi, le Camere di Commercio continueranno a tenere il Registro degli assegnatari dei marchi di identificazione dei metalli preziosi, mentre non potranno esercitare i compiti legati al saggio dei metalli preziosi, all'assegnazione del marchio di identificazione, al deposito delle matrici recanti le impronte del marchio, alla fabbricazione dei punzoni e alle verifiche ispettive.
In relazione all'attività del tachigrafo digitale, le Camere continuano ad essere competenti soltanto per la produzione e distribuzione di "smart card" che interagiscono con il tachigrafo digitale, mentre tutte le altre funzioni sono di chiara attinenza metrologica e quindi sono sottratte alla competenza camerale.
Restano nella competenza delle Camere di Commercio le attribuzioni in materia di brevetti e tutela della proprietà industriale, poiché si tratta di competenze assegnate direttamente alle Camere di Commercio dall'art. 147 e seguenti del Codice della proprietà industriale, emanato sulla base di una legge delega successivamente al decreto legislativo 112/98.

28/06/2008 12.42