Eternit, antenne e degrado: i cittadini chiedono di intervenire

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

8423

MONTESILVANO. Grosse quantità di eternit giacciono ormai da anni nella zona Montesilvano Sud tra via Verrotti, Corso Umberto,via Marrone e via Balbo, nei pressi di un parco giochi dove ogni giorno si recano numerosi bambini. SCABURRI:«PROBLEMI DI SEMPRE, ORA SOLO CRITICHE STRUMENTALI»
Già nel giugno 2007 il Comitato Cittadino Montesilvano Sud si era rivolto al sindaco, all'Arta e alla Asl denunciando la presenza di questo materiale fortemente dannoso per la salute ma ad un anno di distanza la situazione è immutata «se non peggiorata grazie al continuo deterioramento delle lastre di eternit», ha spiegato Antonio Ciarrocchi, presidente del comitato.
Queste lastre fungono da recinzione e copertura di due capannoni di due attività commerciali che prevedono l'uso di autobotti con relative cisterne ma «l'attività di rimessa delle cisterne è continua fonte di lamentele poiché quando vengono lavate e svuotate, in genere il sabato, l'aria intorno diventa irrespirabile a causa dei residui chimici che si disperdono nell'aria. I resti di questi lavaggi dove sono riversati?» si è chiesto il presidente.
Ma il problema salute in questa zona non è messo a rischio solo dalla presenza di amianto ma anche dall'attività di diverse antenne vicinissime a palazzi e scuole.  
«Attualmente oltre alle antenne montate nel 2003 davanti il Palaroma, è in fase di realizzazione un nuovo palo su cui monteranno altre antenne, a neanche 50 metri dalle prime, davanti ad un palazzo di 12 piani», ha dichiarato Ciarrocchi, «non possiamo accettare che i gestori decidano per meglio realizzare i loro profitti a discapito della nostra salute».
Nessun tipo di remore neanche nel posizionare 2 Stazioni Radio Base a meno di 200 metri di distanza dalla scuola media "Villa Verrocchio".
«Sono mai state fatte misurazioni nei pressi delle antenne? Se si, sono mai state rese note? Non mi sembra».

CORDOMA: «È UN ATTACCO POLITICO»

Tutto questo è stato messo all'attenzione del sindaco che nell'incontro con il Comitato ha sostenuto fosse un mero attacco politico, come se a confermare la situazione stagnante e grave del quartiere non ci fossero le testimonianze dirette e le foto fatte dagli stessi abitanti.
«Cordoma ci ha ascoltato con aria scocciata insinuando che fosse solo per attaccarlo politicamente», ha ricordato Ciarrocchi, che negli anni scorsi aveva incontrato anche la vecchia amministrazione Cantagallo.
«Oggi è cambiato il vento, è cambiata la Giunta, è cambiata la composizione del Consiglio ma vediamo che l'attenzione verso i cittadini è rimasta sempre la stessa, pari a zero». L'unica consolazione che il Comitato è riuscito ad ottenere da questo incontro è una nuova riunione a fine novembre, nel nome del "vi faremo sapere".





STRADE DISSESTATE, PALAROMA IN DEGRADO E RUMORI MOLESTI

Un quartiere che conta quasi 10mila abitanti e che copre una bella fetta della zona Sud di Montesilvano, non dovrebbe essere ignorato visto che i problemi lamentati
dagli abitanti sono numerosi e molto sentiti.
A partire dalle strade: via Adige è stracolma di pericolose buche, priva di marciapiedi sicuri, vittima di frequenti allagamenti che obbligano a non pochi disagi vista la presenza di una Scuola Elementare (dove a 100m vi è un'altra antenna) nella traversa via Tordino.
E non è l'unica strada in queste imbarazzanti condizioni: Corso Umberto, una strada principale per Montesilvano, è piena di buche (basterebbe asfaltare), via Imera ha gli specchi per agevolare l'immissione dei veicoli completamente rotti, la Strada Parco conta una cinquantina di lampioni rotti, via Saragat «è un asse pattumiera, è diventata la discarica consortile ovvero chi vi passa si sente autorizzato a scaricarvi qualsiasi cosa. O si realizza la strada o la si chiude al traffico», ha lamentato il presidente.




Tra le mancanze di questo quartiere vi è il Palaroma, quasi abbandonato e deteriorato, una struttura che potrebbe essere utilissima a Montesilvano.
Oltre il bel panorama di incuria e trascuratezza vi è il fastidioso problema degli schiamazzi notturni causati dalla presenza di un locale in Corso Umberto che rimane aperto tutta la notte.
«Non ci sono orari da rispettare per gli esercizi pubblici? O tali orari vanno fatti rispettare solo a Pescara vecchia?», si è chiesto Ciarrocchi. «Manca la presenza dell'amministrazione sul territorio, sono due anni che non viene fatto nulla nonostante gli inviti dei cittadini a impegnarsi e rispettare le promesse».


Antonella Graziani 24/06/2008 9.45

SCABURRI:«PROBLEMI DI SEMPRE, ORA SOLO CRITICHE STRUMENTALI»

«Il comitato Montesilvano Sud critica cose esistenti da anni in quella zona ma non parla di altro come ad esempio la mancanza di vivibilità, l'aumento della cementificazione ed il conseguente aumento di traffico, gli innumerevoli disservizi che il menefreghismo dei "personaggi" politici abitanti nella zona, e ce ne sono svariati, ha prodotto. Ma tutto questo non è stato specificato dal presidente, come mai?».
A domandarselo è Gianni Scaburri, presidente della associazione culturale “Club Giamel”.
«C'e' da sottolineare il fatto che dette critiche non si sono mai registrate negli anni scorsi», ha aggiunto Scaburri, «anche se per stessa ammissione del Presidente, quei problemi da lui criticati sussistono da anni, ora mi mi chiedo dov'era il comitato quando nella zona si rilasciavano concessioni edilizie a go go? Quando veniva, costantemente, a mancare la cura, per le infrastrutture, quando in occasione delle festivita' natalizie tutta la citta' brillava di luce ma non il quartiere Montesilvano sud? Quando in occasione delle manifestazioni estive, tutta la citta' veniva coinvolta in manifestazioni, tranne quella zona?»
Scaburri invita inoltre il comitato da «attendere fiducioso gli atti della amministrazione Cordoma».

24/06/2008 11.32