Comune L'Aquila. Nel 2006: 80 consulenze per circa 680 mila euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4252

CONSULENZE D'ABRUZZO. (2 PARTE). Senza professionisti esperti non si va da nessuna parte e pare proprio che nel 2006 il Comune dell'Aquila non sia riuscito a farne a meno. Che la consulenza esterna fosse sempre più gettonata è ormai cosa ovvia, ma scorrere voce per voce dai documenti ufficiali, messi in rete grazie al provvedimento del ministro Brunetta, fa sempre un certo effetto. COMUNE DI AVEZZANO, 52 CONSULENZE PER 640 MILA CIRCA MA È DIFFICILE SCOPRIRE PER COSA
Dopo aver spulciato i dati delle Camere di Commercio d'Abruzzo siamo passati al capoluogo dove sono spuntate 80 consulenze per una somma che si aggira intorno ai 680 mila euro. (pagina 794)
La consulenza più costosa è quella della cooperativa "Il Poliedro" che nel 2006 ha incassato in due volte un totale di 250 mila euro per "attività di supporto del servizio pianificazione".
Non si è badato a spese anche per il sociale, uno dei settori solitamente più trascurati: per i vari progetti sono state più di 10 le consulenze esterne per un totale di 98 mila euro tra professionisti incaricati per proposte, incontri, sportelli sulla violenza domestica, handicap e famiglie disagiate.
Altra voce costosa la comunicazione istituzionale: il sindaco Tempesta nel 2006 ha speso per la sua portavoce Simona Malavolta 29.566 euro, più altri 14.783 per la segreteria particolare che curava la sua immagine (Paola Morelli).
6 le consulenze esterne per il piano regolatore per un totale di 54.493 euro.
Importante la spesa per la "definizione pratiche condono edilizie": in totale 45 mila euro equamente divisi tra Antonio Leoncini, Domenico Cincis e Donatella Biasini.
20 mila euro sono andati alla Moody's Italia Srl per l'acquisizione del monitoraggio del rating, incarico che è stato riconfermato nei giorni scorsi dalla Regione Abruzzo alla stessa società.
Altri 22 mila sono andati alla Professional Service Srl, per "consulenze tecniche".
Quasi 6 mila euro, in varie parti, alla scuola superiore Ceida per una serie di seminari.
15 mila euro all'università dell'Aquila per la redazione del piano di assetto naturalistico della riserva Fiume Vera.
Più di 13 mila euro a Alberto Baiocchetti per l'Informagiovani, e altri 4.500 a Renzo Barbato per un progetto sulle devianze giovanili.
Molta attenzione agli immigrati: 12 consulenze per un totale di 15 mila euro.

13/06/2008 14.37

BAIOCCHETTI:«NON SONO UN “CONSULENTE D'ORO”»

Nell'elenco del ministero c'è finito lo stesso ma Alberto Baiocchetti precisa quanto riportato dalle tabelle.
«ho percepito la somma lorda di 6.935 euro annui per il servizio informagiovani ed 6.411 euro lordi per lo sportello “Centro Famiglie”. Il regime di rapporto è stato quello della collaborazione coordinata e continuata; ha avuto la durata di un anno ed ha previsto lo svolgimento di circa ore 16 settimanali per l'anno 2006.
Il sottoscritto nel corso dei suddetti rapporti, ha gestito attività complesse che hanno richiesto competenze ed esperienza specifica nei settori di pertinenza.
Il fatto che siano state corrisposte tali cifre è assolutamente congruo con il tipo di lavoro svolto.
Il settore sociale è tra i tanti di un Comune, spesso sacrificato anche a fronte della sua importanza. Il fatto che sia stata stanziata la cifra in questione non può e non deve in alcun modo stupire in negativo nessuno. Il sottoscritto è laureato, plurispecializzato con 20 anni di esperienza professionale. Le mie competenze sono state retribuite per circa 11 euro nette ad ora ed onestamente mi sembra persino imbarazzante che io debba qui giustificarle».

18/06/2008 9.24



(continua...)
[pagebreak]

COMUNE DI AVEZZANO, 52 CONSULENZE PER 640 MILA CIRCA MA È DIFFICILE SCOPRIRE PER COSA


AVEZZANO. 52 consulenze per il Comune di Avezzano per un totale che si aggira intorno ai 640 mila euro circa. Cifra esorbitante che raggiunge quasi quella del capoluogo. Ma ciò che stupisce maggiormente, consultando il dettaglio delle consulenze, è che per moltissime voci non c'è la descrizione dell'incarico.
E' così per i 90.183 euro che il Comune ha girato a Giorgio Sucapane, ma non si sa per cosa, i 59.255 di Giampiero Nicoli, gli oltre 50 mila di Giancarlo Paris, i 17.719 di Fabio Morgante, 10.113 di Renato Simone, gli 8.396 di Fabrizio Rampa, i 6.505 euro di Sandro Emi, o i 4.600 di Giancarlo Cipollone.
La spesa "giustificata" più elevata è stata certamente quella per il teatro comunale: 12.944 per Vincenzo Biancone, e 73.484 per Furio Cruciani e altri 13.672 per Luigi Germani.
Anche la casa di riposo ha richiesto i suoi bei soldini:23.101 a Stefano De Nicola e altri 51.350 a Agostino Sforza.
Per la viabilità sono stati pagati i consulenti esterni Roberto Confortini per 33.794 euro, Cesidio Serafini per un importo di 31.884 euro, Fabrizio Cantelmi per 5.626 euro.
Più di 17 mila euro sono stati spesi per i professionisti del Ctu (consulenza tecnica d'ufficio).
Il progetto "Prisma and disability on line" è costato 38.432 euro (girati alla Internet soluzioni) e altri 22 mila sono andati alla Apra Progetti Srl per l'assistenza informatica.

13/06/2008 14.55