Volantini "abusivi", dopo Mare Libero tocca al Wwf: ricorso al difensore civico

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1544

Volantini "abusivi", dopo Mare Libero tocca al Wwf: ricorso al difensore civico
PESCARA. Anche il Wwf di Pescara "beccato" dai vigili a distribuire volantini sul suolo pubblico. Così, dopo l'associazione Mare Libero -che è stata invitata a fermare la loro distribuzione alla Fontana di Cascella- spuntano nuovi casi di volantini "abusivi".
Questa volta sono stati degli azionisti del Wwf ad essere beccati in flagrante. Almeno due i casi in cui sono stati fermati. La scena è stata la stessa: il Wwf in strada distribuiva volantini sulla questione dell'acqua avvelenata, i vigili sono arrivati e hanno chiesto di fermare il tutto.
Perché?
Perché per fare pubblicità sul suolo comunale si deve pagare la tassa sulla pubblicità, dunque per contestare gli uomini del partito dell'acqua, a quanto pare, rientra nell'ambito della categoria “pubblicità”.
E' stato chiaro nei giorni scorsi il comandante Grippo ma dubbi e contestazioni si muovono ancora intorno a questa storia.
E un dubbio pervade tutti: perché davanti ad una «palese violazione del regolamento» non scatta anche la multa? Per chi non rispetta il regolamento, infatti, c'è una sanzione che va dai 206,58 euro ai 1.549,36 euro.
Ovviamente nessuno si augura di vedersi mai formalizzare un verbale, se non altro per i tempi di un ricorso, ma questa mattina il Wwf Abruzzo ha presentato una nota dettagliata al difensore civico del Comune di Pescara perché vuole vederci chiaro.
«A nulla sono serviti i decisi richiami dei volontari all'articolo 21 della Costituzione che sancisce la libertà di espressione», ha commentato il presidente dell'associazione Dante Caserta.
«E' bastata una rapida ricerca via internet», spiega ancora Caserta, «per trovare diverse sentenze della Corte Costituzionale che possono chiarire ai Vigili Urbani di Pescara che la distribuzione di volantini a mano nell'ambito di iniziative di tipo ideologico è attività tutelata dall'articolo 21 e che questo tipo di volantinaggio non è assolutamente soggetto al pagamento di imposte in quanto queste costituirebbero un'insopportabile limitazione della libertà di espressione».
Una questione che ha sollevato una decisa irritazione da parte di moltissimi soprattutto perché il regolamento esiste da diversi mesi ma la polemica è venuta fuori solo su un volantino che riportava notizie circa lo scandalo più grosso d'Abruzzo, forse, di sempre.
Occorre anche aggiungere che le associazioni ambientaliste dal giorno della chiusura delle indagini (e della consegna degli avvisi di garanzia in numero di 33) hanno chiesto immediatamente le dimissioni degli indagati. Non ascoltati hanno cominciato a “perseguitare” giunta regionale, consiglieri, amministratori e politici regionali in ogni uscita pubblica per ricordare loro, con cartelli inequivocabili, l'opportunità di pronte dimissioni di chi è sotto inchiesta.
Inutile citare, infine, anche il sondaggio di PrimaDaNoi.it che vede una netta maggioranza di nostri lettori convinta che le dimissioni siano, in questo caso, la scelta più opportuna e saggia.

LE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE

N° 301/00 della Corte Costituzionale: "In definitiva,dunque, dal sistema normativo in esame, correttamente interpretato, non discende affatto che siano soggette all'imposta le forme di propaganda di contenuto ideologico effettuate senza fini di lucro, cui aveva riguardo la sentenza n. 131 del 1973 di questa Corte").

N° 131/1973 della Corte Costituzionale "È indubbio, infatti, che la Costituzione garantisce sia la manifestazione del pensiero sia la divulgazione del pensiero dichiarato. È pur vero che tale libertà non esclude possano essere disciplinate dal legislatore le modalità di esercizio del diritto, per il necessario contemperamento con altri interessi costituzionalmente rilevanti,come già più volte riconosciuto da questa Corte (sentenze n. 129 del 1970; n. 1 del 1956; n. 48 del 1964).

11/06/2008 14.47

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/xoopspoll/pollresults.php?poll_id=8]I RISULTATI DEL NOSTRO SONDAGGIO E LA DISCUSSIONE SULL'ARGOMENTO[/url]

[url=http://www.comune.pescara.it/UserFiles/utenti/File/regolamenti/imposta_pubbliche_affissioni.pdf]ECCO TUTTO IL REGOLAMENTO [/url]