Pullman si incastra nella curva e la variante (pronta da 20 anni) resta chiusa

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1376


ANVERSA DEGLI ABRUZZI (AQ). Lo scorso 2 giugno si è tenuta ad Anversa degli Abruzzi la manifestazione della Protezione Civile, proprio lì dove la strozzatura della viabilità che attraversa il centro ha creato più di un problema proprio ai soccorsi negli anni scorsi.
Succede soprattutto in estate quando il traffico turistico è più intenso.
«Lunedì 2 giugno», racconta Nunzio Marcelli di Uniti per Anversa, «un pullman tedesco si è incastrato nelle curve causando, oltre al blocco stradale, anche lo scoppio di vetri che miracolosamente non hanno coinvolto persone».
Come inizio di stagione per la valle del Sagittario con turisti esteri non è il massimo
«Siamo lieti di avere avuto ospite il presidente della Regione», dice ancora Marcelli, «che ha potuto così rendersi conto di persona – visto che parte della manifestazione si è svolta proprio sopra la galleria della Variante - della drammaticità di avere (in un paese di 400 abitanti) un'opera da 12 milioni di euro, di cui si parla da 20 anni, ormai pronta ma non ancora fruibile a causa di svarioni progettuali».
E mentre si continuano ad organizzare riunioni che immaginano nuove variazioni progettuali (non sono bastati evidentemente 20 anni per concepire due svincoli), «l'amministrazione comunale di Anversa continua a fare orecchie da mercante sulla vicenda dei semafori», assicura Marcelli, «pagati dalla collettività, installati e mai resi operativi».
L'amministrazione, però, avrebbe deciso di utilizzare fondi residui, che erano stati erogati dalla Regione per interventi di miglioramento dell'accesso al paese, per altri interventi. «Questa», sottolinea Marcelli, «è un'altra scelta a nostro parere scellerata, della quale abbiamo informato urgentemente tutte le autorità».

11/06/2008 10.58