Chiudere al traffico l’ex ponte della ferrovia

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

793

FOSSACESIA. Chiudere al traffico veicolare l’ex ponte ferroviario sul Sangro e la viabilità di servizio predisposta in via provvisoria dalla Provincia di Chieti a seguito del crollo del viadotto della SS 16 Adriatica.
E' quanto ha chiesto il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, con una nota inviata questa mattina al Presidente della Provincia di Chieti, Tommaso Coletti.
«Con la riapertura al traffico della Statale Adriatica, infatti, la viabilità provvisoria potrebbe essere riservata al passaggio dei pedoni e dei ciclisti, che già numerosi affollano la zona lungomare e apprezzano le bellezze paesaggistiche della nostra Costa dei Trabocchi. – si legge nella lettera - Del resto, il ponte della ferrovia dismesso non ha le caratteristiche idonee al transito veicolare per l'esigua larghezza della carreggiata e ciò rende necessaria la segnalazione semaforica, che peraltro attualmente non funziona costituendo un serio pericolo».
Le condizioni di scarsa sicurezza del prolungamento della Strada provinciale Lungomare che confluisce sull'ex viadotto ferroviario suggeriscono di fatto una soluzione che potrebbe preannunciare le potenzialità della pista ciclabile e pedonale in via di progettazione sull'ex tracciato, rendendo disponibile un attraversamento del fiume Sangro panoramico e sicuro per gli utenti deboli della strada.
«Sono certo che il Presidente Coletti attiverà subito le procedure per chiudere al traffico la strada e consentire agli amanti delle passeggiate all'aria aperta di godere del bellissimo panorama sulla foce del fiume in tutta sicurezza», ha detto Enrico Di Giuseppantonio.
Intanto domani la Giunta comunale di Fossacesia esaminerà la proposta del Sindaco in merito alla valorizzazione delle aree di risulta concesse in comodato gratuito dalle Ferrovie dello Stato per sistemarci nuove zone parcheggio a servizio dei fruitori della spiaggia. A tal proposito il Comune ha avanzato richiesta di contributo alla Regione Abruzzo, anche in considerazione delle difficoltà di bilancio dovute all'incertezza sui tempi dei trasferimenti dallo Stato a compensazione dell'abolizione dell'ICI.
«Abbiamo chiesto al Presidente della Regione Ottaviano Del Turco di assicurarci un finanziamento per poter avviare subito i lavori di sistemazione e pulizia delle aree – ha spiegato il Sindaco, Enrico Di Giuseppantonio- L'attuale situazione finanziaria dei Comuni è infatti ingessata dalla recente comunicazione in merito alla soppressione dell'ICI che produrrà grosse difficoltà nei flussi di cassa anche in relazione alla cronica indisponibilità di fondi nei bilanci comunali. Aspettiamo ora una risposta e speriamo che arrivi in tempi brevissimi».

04/06/2008 12.12