L'Aquila by night, aggrediti due agenti di polizia

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1300

L'AQUILA. Due agenti della Squadra Volante della Questura dell'Aquila sono stati aggrediti nella notte di sabato scorso da alcuni giovani. Del Turco questa mattina in questura per esprimere solidarietà alla polizia. STAMANE RIUNIONE STRAORDINARIA IN PREFETTURA

I poliziotti sono intervenuti intorno alle 4 nel centro storico, a piazza Nove Martiri, per una segnalazione relativa al disturbo della quiete pubblica e lì sono stati aggrediti.
Hanno riportato lesioni giudicate guaribili in cinque giorni.
«E' sconcertante apprendere che l'intera piazza si è rivoltata contro gli uomini in divisa», ha scritto in una nota Santino Li Calzi, segretario provinciale Coisp, «quegli stessi uomini che poi invocano quando si trovano in pericolo».
«Davvero non possiamo far nulla per rendere meno nera questa cronaca che colpisce ripetutamente le Forze dell'Ordine?», scrive ancora Li Calzi, che si risponde da solo: «molte cose possono essere approntate a difesa di chi difende l'ordine pubblico. Sembra un gioco di parole, ma è la verità: difendere chi va a difendere la collettività dovrebbe essere la prima preoccupazione di una società civile. Qualunque possa essere il problema da risolvere, la politica deve pensarci due volte prima di usare le Forze dell'Ordine per far applicare norme o contrastare disordini che, con un minimo di precedente saggezza amministrativa, sarebbero risultati superflui od assenti».
Inoltre il segretario ricorda che il sindacato si sta battendo per «pretende l'inasprimento delle pene e l'avvio di una seria educazione civica e stradale. Macchine potenti, guidatori in preda all'alcool o comunque transitanti a forte velocità, strade ancora denominate "della morte" o curve "della morte", sono i sintomi di problemi che vanno affrontati subito e con fermezza, per non continuare a contare morti e feriti sia fra i difensori che fra i difesi.

LA SOLIDARIETA' DI DEL TURCO

Alle ore 12 di oggi il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco, incontrerà il questore dell'Aquila «per esprimere direttamente a lui e alla Polizia di Stato tutta la solidarietà dell'intera regione per i gravissimi fatti di violenza che hanno turbato l'altra notte la quiete della città dell'Aquila».
«La mia presenza alla Questura dell'Aquila - ha chiarito Del Turco - vuole essere un atto di solidarietà nei confronti della Polizia di Stato e di tutti gli appartenenti ai servizi di vigilanza che l'altra notte si sono scontrati con bande di teppisti che da tempo turbano la quiete e la serenità dell'Aquila».
Il presidente della Regione porterà la sua personale solidarietà agli agenti e ai funzionari della questura «per la fermezza e la decisione con cui hanno saputo far fronte alla difficile situazione»

26/05/2008 10.06

PROGETTO L'AQUILA : «TOLLERANZA ZERO E SOLIDARIETÀ AI POLIZIOTTI AGGREDITI»

«Quanto accaduto sabato notte nella nostra città rappresenta un fatto gravissimo ed al tempo stesso preoccupante» è quanto ha dichiarato Carla Mannetti, presidente dell'Associazione Progetto L'Aquila per il Pdl.
« Il centro storico della nostra bellissima città è sempre più in balia di ragazzi violenti, aggressivi, privi di senso civico ed irrispettosi delle più elementari regole di educazione. La città di notte è invivibile e non bisogna affatto lasciarsi intimidire da nessuno. I Comitati cittadini hanno chiesto da sempre il rispetto delle regole e soprattutto più controlli e vigilanza e le reazioni avute in passato da alcuni esponenti politici, alla luce anche degli attuali avvenimenti, appaiono sempre più inadeguate».
L'associazione esprime inoltre piena solidarietà agli agenti di polizia.
26/05/2008 11.30

STAMANE RIUNIONE STRAORDINARIA IN PREFETTURA

Il Prefetto dell'Aquila, Aurelio Cozzani, ha presieduto questa mattina una riunione tecnica, cui hanno partecipato il Questore, i Responsabili provinciali delle Forze di Polizia ed i rappresentanti del Comune, per esaminare il problema dei disturbi notturni alla quiete pubblica nel centro storico dell'Aquila.
Per contrastare il fenomeno, da tempo all'attenzione delle Forze dell'Ordine e dello stesso Comune, sono state concordate una serie di misure che «si aggiungono a quelle decise nell'ambito di precedenti Comitati Provinciali per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica».
In particolare, le misure deliberate nella riunione di oggi prevedono «una ulteriore intensificazione dell'azione di controllo delle Forze di Polizia, a supporto delle Polizie Locali, e lo svolgimento di controlli mirati presso i più frequentati luoghi di ritrovo notturni».
In questo contesto è stata altresì esaminata la possibilità che il Comune avvii un progetto per l'utilizzazione di impianti di videosorveglianza al fine di monitorare e prevenire al meglio questo fenomeno anche per individuare in maniera più veloce e precisa gli autori delle scorribande e dei danneggiamenti.
«L'attuazione di questo complesso di misure, che implicherà un consistente sforzo da parte delle Forze dell'Ordine statali e locali», ha spiegato il prefetto Cozzani, «potrà portare a risultati ancor più positivi se l'azione di prevenzione e repressione sarà accompagnata anche da una contestuale attività di educazione che si auspica possa essere svolta da quelle componenti del tessuto sociale cittadino aquilano, dalle istituzioni scolastiche ed universitarie per arrivare alle famiglie, che possono svolgere un ruolo di sensibilizzazione nei confronti dei giovani, allo scopo di evitare che gli stessi possano rendersi protagonisti di questi atti di disturbo che si risolvono in danno della fascia più debole della nostra cittadinanza».

26/05/2008 17.03

NUOVO REGOLAMENTO PER I LOCALI NOTTURNI

«Questa settimana verrà predisposto il nuovo regolamento per i locali notturni, verrà fatta un'ordinanza in merito all'uso degli alcolici in vetro, mentre è già in essere un Piano per il posizionamento delle telecamere nei punti più a rischio di atti vandalici o delinquenziali che si stanno verificando in città».
Lo ha confermato il sindaco Massimo Cialente questa mattina.
«Ciò soprattutto al fine di proteggere i giovani che, educatamente e serenamente, vivono, come è giusto che sia per la loro età, momenti di spensieratezza la sera ed al fine di far rispettare e garantire la dignità della vita dei residenti. I gravissimi fatti di sabato scorso», ha aggiunto Cialente, «che si aggiungono a ripetuti atti vandalici sull'arredo urbano che costringono quotidianamente gli operai del Comune ad uscire di prima mattina per porre rimedio agli stessi, ci costringono ad intervenire in tal senso.
Ripeto che tutto questo, secondo me, non ha a che fare con il mondo universitario ma è riconducibile a veri e propri atti delinquenziali.
Invito inoltre i gestori dei locali a collaborare affinché sia garantita anche la loro attività imprenditoriale».

26/05/2008 17.31