Rifiuti teramani a Pescara fino alla fine del 2008

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

883

TERAMO. Sono 180 le tonnellate di rifiuti provenienti dal teramano che arrivano quotidianamente nella discarica di Colle Cese.
Ancora un incontro tra i comuni Soci di Ambiente SpA azienda leader che progetta servizi all'avanguardia per la tutela ambientale, la Provincia di Teramo, la MO.TE, la TE.AM e la Regione Abruzzo, per cercare di fare chiarezza sulla situazione emergenziale relativa allo smaltimento dei rifiuti dei comuni teramani.
Nella riunione, si è ribadito che i rifiuti dei Comuni teramani potranno essere conferiti, nella discarica pescarese di Colle Cese, fino al 31 dicembre 2008.
Nel frattempo, però, dovrà essere stilato un crono programma per risolvere la situazione emergenziale.
In merito, Franco Gerardini ha assicurato che già si stanno trovando delle soluzioni per risolvere l'emergenza, come l' entrata in funzione della discarica di Tortoreto e l'apertura e riapertura di altri impianti.
Ogni giorno nella discarica di Colle Cese vengono scaricati circa 180 tonnellate di rifiuti provenienti dalla Provincia di Teramo ( 40.000 tonnellate stimate entro la fine dell'anno).
Inoltre, i soci di Ambiente SpA, hanno chiesto di veder contraccambiato lo spirito di sussidiarietà in caso di crisi emergenziale determinata nei comuni del consorzio pescarese, alle stesse condizioni di quelle dei comuni teramani.
Prossimo appuntamento, per valutare la situazione d'emergenza, fissato per il 30 settembre 2008.
Inoltre, il presidente di Ambiente SpA,con l'approvazione dei sindaci soci, ha stabilito che a breve verrà convocata una riunione di tutti i soci, per programmare e stabilire le strategie e i progetti futuri del Consorzio.

24/05/2008 10.11