Forza Nuova ai ministri Maroni e La Russa: «vogliamo l’esercito a Montesilvano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1839

MONTESILVANO. Una richiesta ufficiale al ministro degli Interni Roberto Maroni, ed il Ministro della Difesa, Ignazio La Russa: l’invio di un contingente dell’Esercito pari a 50 unità che svolga missioni di pattugliamento e di cooperazione nelle ore diurne e notturne a fianco di polizia e carabinieri.
La richiesta è partita da Forza Nuova e precisamente dal segretario cittadino Marco Forconi.
Dopo lo sciopero della fame intrapreso e poi sospeso da Forconi per chiedere al sindaco Pasquale Cordoma di fronteggiare il problema microcriminalità, ora si passa ai “piani alti” della politica italiana.
«La situazione è gravissima e rischia di esplodere», sostiene Forconi.
«Montesilvano è in preda ad una crisi di panico mai vista negli ultimi trent' anni ed il fenomeno della microcriminalità si attesta su livelli da statistiche sicule o campane», scrive ancora il segretario cittadino.
Il rappresentante dell'estrema destra chiede se il sindaco Cordoma «pensa che un posto fisso di Polizia di Stato o ridare un pugno di carabinieri all'attuale Compagnia possano risolvere i problemi della sicurezza in una città di quasi cinquantamila abitanti? E se non dovesse addirittura riuscirci, sarebbe ingiusto chiedere le sue dimissioni?»
E così la decisione di scrivere ai due ministri: «non intendo più essere tranquillizzato né ho la minima intenzione di attendere che nel frattempo la mia città possa divenire un crocevia strategico di macrocriminalità organizzata».

17/05/2008 12.14