A Popoli la Forestale scopre 454 casi di abusivismo rurale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1415

PESCARA. Non un caso isolato ma una vera e propria sequela di abusi edilizi rurali. Sono in totale 454 i casi rilevati a Popoli dalla Guardia Forestale. Adesso partiranno controlli anche in altri Comuni.
Il controllo è partito 12 mesi fa. Gli agenti della Forestale si sono mossi ininterrottamente lungo le sorgenti dei fiumi dopo aver ricevuto diverse segnalazioni, tra cui anche quelle del Genio civile.
Le segnalazioni riguardano costruzioni in aree ad alto rischio di esondazione e in violazione di alcuni vincoli come quello paesaggistico lungo i fiumi e quelli relativi ai siti di interesse comunitario.
Si tratta di una vera e propria invasione di baracche, costruzioni, case in muratura che colonizzano sempre di piu' il territorio. L'attività è stata condotta dal nucleo specializzato della Forestale in sinergia con l'Agenzia del territorio che ha pubblicato su internet
gli elenchi delle costruzioni abusive che non risultano dagli elenchi catastali
(qui)
, è partita da Popoli e ora sta interessando i comuni di Bussi e Tocco da Casauria.
Ma la Forestale non si ferma qui. Adesso si passa a nuovi controlli. Si procederà con Torre de' Passeri dove, stando agli elenchi dell'Agenzia del territorio, risultano circa 55 casi di abusi, e poi a Pescara dove i casi rilevati sono 816.
Ad Alanno invece, sempre secondo i dati dell'Agenzia del territorio, sono 331.
Il comandante Conti parlando delle costruzioni abusive ha spiegato che il materiale raccolto viene segnalato alla procura, per la parte penale, ai Comuni, per la parte di loro competenza, e poi all'Agenzia del territorio per l'accatastamento.
Da parte sua il dirigente dell'Agenzia del territorio, Tommaso Borri, ha sottolineato che tutta questa attivita' serve non solo al completamento della banca dati ma anche al recupero dell'evasione fiscale.
«La pubblicazione - ha spiegato Borri - degli elenchi su internet hanno valore di notifica e di invito ai cittadini di procedere alla regolarizzazione catastale, in caso contrario, interverra' in surroga l'Agenzia che procedera' d'ufficio, questo, pero' comportera' un onere maggiore per i cittadini, quindi, non e' consigliabile attendere il nostro intervento».

09/05/2008 16.35