Il "Villaggio della sicurezza" in tour per la guida sicura

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1102

TERAMO. Nell’autoporto di Castellalto sarà realizzato un centro di “guida sicura”. La Provincia mette a disposizione delle autoscuole un’auto pluriadattata per le esercitazioni di guida dei diversamente abili
La prevenzione degli incidenti stradali, i progetti per la messa in sicurezza della rete viaria, le iniziative di sensibilizzazione rivolte in particolar modo ai giovani e la presentazione del centro “Guida Sicura” che sarà realizzato nell'Autoporto di Castellalto, sul modello di quello già esistente a Vallelunga.
Tre giornate per accendere i riflettori su un fenomeno, quello degli incidenti stradali, che in Italia supera di gran lunga la media europea. “Il villaggio della sicurezza” è una manifestazione itinerante che farà tappa a Teramo, il 10 maggio, e poi a Giulianova (18 maggio) e Pineto (25 maggio). Una iniziativa della Provincia, Assessorato viabilità e trasporti, in collaborazione con sei Comuni della costa, con l'Aci; il 118; la Polizia Stradale; l'Associazione nazionale degli psicologi; la Federazione Motociclistica Italiana; l'Agenzia provinciale per l'energia e l'ambiente.

«L'occasione per fare una sintesi sui tanti progetti che Provincia, Comuni e associazioni stanno portando avanti insieme per dare seguito alla direttive dell'Unione Europea recepite anche dal nostro Paese: dimezzare entro il 2010 il numero delle vittime per gli incidenti sulle strade» ha commentato il vicepresidente Giulio Sottanelli, questa mattina, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa.

I DATI

I dati ufficiali sugli incidenti, quelli dell'Istat, sono del 2006 e parlano di 42 vittime in provincia di Teramo, ma la Polizia Stradale, come ha precisato il comandante, Fabio Santone, sulla base delle proprie rilevazioni, registra:«un trend positivo con una diminuzione sia delle vittime che degli incidenti. Un effetto – ha spiegato il Comandante – degli interventi di miglioramento sulla rete stradale, dell'attività di prevenzione e controllo sulle strade, delle iniziative di formazione e informazione che in questi ultimi due anni si sono di molto intensificate. Il tratto più pericoloso rimane la statale 16 dove è più difficile intervenire in quanto si tratta di un'arteria che attraversa i centri abitati della costa».
Nel “Villaggio” si potrà partecipare ad una serie di iniziative: crash-test; prove di guida; questionari rivolti ai giovani per comprendere il grado di consapevolezza rispetto ai rischi dei comportamenti sbagliati; una tavola rotonda su “Obiettivo sicurezza” il progetto che la Provincia sta portando avanti ( 2 milioni e 700 mila euro) per migliorare la sicurezza stradale (con la segnaletica, le rotatorie, la sistemazione di innesti pericolosi, la realizzazione di un catasto informatico che consente la rilevazione in tempo reale delle criticità). Nell'ambito del progetto, la Provincia, ha acquistato un'auto pluriadattata per le esercitazioni di guida delle persone diversamente abili. Che sabato mattina verrà donata al Consorzio provinciale delle autoscuole.

IL RUOLO DEGLI STUDENTI

Il Villaggio, a Teramo, aprirà i battenti sabato mattina alle 9. All'interno si svolgerà la premiazione del concorso “Ruote Sicure”. Disegni, video, fotografie, realizzati dagli studenti delle scuole superiori che hanno partecipato al progetto di formazione realizzato dagli psicologi dell'Aupi. Un percorso didattico sperimentato a Teramo e diventato un modello di riferimento in molte realtà italiane tanto da essere stato presentato alcune settimane fa all'Università La Cattolica, a Milano. Il corso ha coinvolto migliaia di studenti ed è articolato in maniera da aumentare la consapevolezza sulla reale pericolosità dell'ambiente stradale e da ridurre i comportamenti a rischio.
In un'ottica di integrazione, all'interno del Villaggio, sono presenti anche i sei Comuni della costa che stanno realizzando il progetto “Linea di sicurezza sulla costa teramana”. Anche in questo caso sono stati messi in campo interventi per migliorare la sicurezza stradale; iniziative per sensibilizzazione i cittadini; azioni di formazione rivolte ai tecnici.
Nel corso della giornata è prevista una serie di iniziative a cura di tutti i soggetti che hanno aderito all'iniziativa e alle 17 prenderà il via la “biciclettata” organizzata dall'Agenzia provinciale per l'ambiente e l'energia: in palio biciclette e caschi di protezione.
Il 18 maggio e il 25 maggio si replica rispettivamente a Giulianova e a Pineto. A Giulianova, in contemporanea al Villaggio, si svolgerà “Bimbimbici” una pedalata cittadina riservata ai bambini fino agli 11 anni (cioè dalle scuole materne alle elementari), che si tiene ogni anno, la prima domenica di maggio, in tutta Italia, a cura della FIAB – Federazione italiana amici della bicicletta.

IL CENTRO DI GUIDA SICURA NELL'AUTOPORTO DI CASTELLATO

Un moderno parco di guida sicura sarà realizzato all'interno dell'autoporto di Castellalto con lo scopo di organizzare corsi di guida sicura. Esperti insegneranno a migliorare il grado di controllo del veicolo adottando i comportamenti necessari per evitare o per gestire al meglio le situazioni di pericolo. Nel centro, infatti, sarà possibile riprodurre fedelmente le più frequenti situazioni critiche di guida.
Per realizzare questa iniziativa sono stati avviati dei contatti con il centro di guida sicura di Vallelunga. Allo stato attuale siamo nella fase della progettazione esecutiva del parco guida, progetto al quale parteciperà anche il Consorzio per lo Sviluppo Industriale, proprietario dell'autoporto di Castellalto. Il Centro di Guida Sicura adotterà le più moderne tecnologie per simulare ogni possibile situazione di pericolo e di emergenza che possa sorgere alla guida di un qualsiasi mezzo (auto, autocarro, autoarticolato, autocisterna, autobus, motocicletta). Potrà essere utilizzato dalle autoscuole e dai privati con programmi personalizzati di formazione alla guida.

IL MONITORAGGIO DELLA RETE STRADALE

Gli interventi e lo stato della rete stradale della provincia saranno monitorati costantemente con l'ausilio di una mappa informatizzata che, attraverso il sistema satellittare GPS ed il programma di gestione dati territoriale GIS, servirà a dare tutte le informazioni in tempo reale agli utenti sulla percorribilità delle strade. La Provincia sta per andare in appalto con i lavori di affidamento del servizio, che garantirà la costituzione di un vero e proprio centro di monitoraggio delle strade provinciali. Quotidianamente, infatti, saranno aggiornati i dati sui cantieri in corso, il volume di traffico, e con un semplice palmare chiunque sarà in grado di verificare a che punto sono gli interventi di manutenzione sulle strade.

06/05/2008 15.02