Occupazione: esame piano industriale Torcitura-Alsafil

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

922

L’AQUILA. Su rischiesta delle associazioni sindacali e di categoria, si è tenuto ieri a palazzo Silone un incontro finalizzato ad effettuare una verifica della situazione in cui versano le aziende Torcitura di Atri srl e Alsafil spa.
Alla riunione hanno partecipato gli assessori regionali Valentina Bianchi (attività produttive) e Fernando Fabbiani (politiche del lavoro), l'assessore alle attività produttive della Provincia di Teramo, Orazio Di Marcello, esponenti sindacali e rappresentanti delle due aziende.
Secondo quanto riportato nel verbale sottoscritto al termine dell'incontro, le organizzazioni sindacali hanno chiesto di conoscere lo stato dei programmi di investimento relativi alla seconda fase del progetto industriale con il quale la società Alsafil si era impegnata a riassorbire tutti i lavoratori in esubero dalla Torcitura di Atri.
«Nel merito la società Alsafil - si legge nel documento - ha precisato di aver proceduto alle assunzioni programmate nella prima fase della cassa integrazioni guadagni straordinaria (CIGS) e ha ribadito la disponibilità a verificare la possibilità di proseguire il programma in atto, compatibilmente con la congiuntura del mercato nazionale ed estero».
Secondo quanto riferito al termine dell'incontro dall'assessore Fabbiani, Regione Abruzzo e Provincia di Teramo hanno rappresentato la possibilità di avvalersi di una serie di strumenti agevolativi quali il contratto di programma, il credito di imposta, misure di formazione professionale attraverso il Por previsto dal fondo sociale europeo e altre misure.
«Le istituzioni hanno valutato positivamente la volontà aziendale di proseguire le attività industriali nello stabilimento di Atri - ha riferito Fabbiani - e hanno rappresentato la disponibilità di effettuare, entro il prossimo mese di giugno, un incontro tecnico con la società Alsafil al fine di supportare quest'ultima nell'attivazione di eventuali linee agevolative che permettano lo sviluppo produttivo ed occupazionale».
22/04/2008 10.33