Mediaset Premium, condanna dall'Antitrust per mancato rimborso credito residuo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1195

LA SENTENZA. L'Autorità della Concorrenza e del Mercato, prendendo posizione su un argomento che interessa oltre 2milioni di cittadini, con il provvedimento 17748, ha condannato Mediaset in merito all'applicazione della legge Bersani alle tessere ricaricabili Mediaset Premium.
Leggendo le motivazioni del provvedimento si comprende con chiarezza che Mediaset deve mantenere utilizzabile il credito residuo anche alla scadenza della tessera.
Mediaset si è sempre difesa ritenendo che la Bersani non va applicata ai contratti stipulati prima dell'entrata in vigore, ma anche in questo caso l'Antitrust è preciso: «Tali tessere, seppur messe in commercio due anni prima della loro scadenza appaiono ricadere nell'ambito di applicazione della legge 40/07, in quanto il termine di scadenza delle stesse ricade, comunque, nel periodo di vigenza della nuova normativa. (…) poiché al momento dell'entrata i vigore della legge le tessere non erano scadute, il credito non poteva più essere cancellato, stante la previsione di legge che rende nulle le clausole che disponevano in tale senso».
Con tale provvedimento sembrerebbe tutto chiarito a vantaggio dei consumatori che hanno diritto a non perdere i soldi presenti nelle tessere Mediaset Premium scadute il 30 giugno 2007.
Mediaset, invece, ignora quanto disposto dall'Antitrust e ha costretto Adiconsum ad avviare, a tutela dei diritti dei consumatori, un'azione inibitoria presso il Tribunale di Roma, la cui seconda udienza si svolgerà il prossimo 23 aprile.
«Opponendosi al rimborso, Mediaset dimostra l'insensibilità nei confronti dei diritti dei propri clienti», sostiene l'associazione che tutela i consumatori.
Nonostante la linearità del provvedimento dell'Antitrust, Mediaset ha cercato alleati nell'Autorità Garante per le Comunicazioni.
Infatti, nella prima udienza in tribunale, ha presentato, in sua difesa, una delibera dell'Agcom, (la 58/08/CONS del 31 gennaio 2008), non ancora pubblicata e quindi non conosciuta, che rovescia il provvedimento dell'Antitrust ordinando a Mediaset: (…) di procedere, su richiesta dei possessori delle tessere emesse dopo l'entrata in vigore della legge n. 40/2007, alla loro scadenza, al trasferimento gratuito del credito residuo su altra tessera (….) di procedere, su richiesta dei possessori delle tessere emesse dopo l'entrata in vigore della legge n. 40/2007, alla restituzione del credito residuo in denaro in caso di recesso, senza gravare tale restituzione addossando all'utente le spese non giustificate da costi dell'operatore.
«L'Agcom, con un comportamento incomprensibile», continua Adiconsum, «ha quindi obbligato Mediaset ad applicare la legge Bersani solo nei confronti dei consumatori che hanno acquistato le tessere dopo l'entrata in vigore della legge, disinteressandosi completamente di tutelare i diritti dei consumatori che ancora attendono di recuperare il credito presente nelle tessere scadute a giugno 2007».
«È preoccupante», continua l'associazione dei consumatori, «constatare come l'Agcom svolge compiti non propri, interpretando e modificando lo spirito di una legge, rispetto ai doveri istituzionali di controllo delle leggi e di sanzione per chi non le rispetti».
Ora la parola torna al Tribunale di Roma che dovrebbe mettere fine alla vicenda.

22/04/2008 9.29