Cantieri sociali: sarà completata la casa per disabili

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

859

Cantieri sociali: sarà completata la casa per disabili
PESCARA. Portata in Giunta dall'assessore Tommaso Di Biase, è stata approvata ieri la delibera per il completamento della casa per disabili intellettivi di via Maiella.
Con 380.000 euro si procederà alla messa in opera di sistemi impiantistici attivi e passivi interamente caratterizzati dai principi della sostenibilità ambientale e della bio/edilizia.
L'edificio è stato infatti progettato come un prototipo dove microclima, ciclo energetico e ciclo delle acque sono governati con tecnologie altamente innovative tendenti al massimo risparmio delle risorse e al benessere, ottenuto anche mediante una precisa scelta di materiali.
Generatori fotovoltaici per l'energia, pannelli solari per l'acqua calda ad uso personale e per il sistema di riscaldamento a pavimento, illuminazione interna ed esterna a risparmio energetico, recupero dell'acqua piovana da utilizzare per gli scarichi dei bagni e per l'irrigazione del giardino esterno, pareti ventilate esterne e pavimentazione permeabile del parcheggio esterno per mantenere maggiormente inalterato il regime dei suoli e il livello della falda freatica.
«L'edificio», ha spiegato l'assessore Tommaso Di Biase, «è innovativo sia dal punto di vista sociale che da quello ambientale e costituisce solo una parte di un intervento più complesso, che propone nell'area dell'ospedale un sistema di strutture tutte analogamente innovative».
Oltre a quella di via Maiella, fanno infatti parte del sistema la già funzionante Casa famiglia per minori di via Rigopiano e le due strutture/alloggio, in corso di realizzazione, promosse dall'Associazione dei Genitori di Bambini Emofiliaci e dall'Associazione Italiana per la lotta alla Leucemia, per le quali l'assessorato, ha reso disponibili i terreni.
I lavori della struttura di via Maiella sono stati fino ad oggi svolti con un primo finanziamento comunale e ministeriale di 950.000 euro e un secondo di 200.000 euro messo a disposizione dalla Regione. Per i prossimi edifici ci saranno i contributi delle associazioni promotrici, di privati e della campagna 30 ore per la vita.


05/04/2008 8.58