Ex tracciato ferroviario. «Impegno bipartisan per avere finanziamenti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

5522

Ex tracciato ferroviario. «Impegno bipartisan per avere finanziamenti»
FOSSACESIA. Si è tenuto ieri pomeriggio a Fossacesia un incontro promosso dall’Associazione “Frentania Provincia” su tema delle aree di risulta dell’ex tracciato ferroviario adriatico.
Vi hanno preso parte i sindaci e gli amministratori dei Comuni della Costa dei Trabocchi, i tecnici della Provincia di Chieti, l'Assessore all'Ambiente della Regione Abruzzo Franco Caramanico e i Consiglieri regionali Maria Rosaria La Morgia, Camillo D'Alessandro e Mario Amicone.
Il dibattito sul futuro delle aree di risulta e del Parco della Costa Teatina è stato introdotto dal Presidente dell'Associazione Frentania Provincia, Pino Valente, il quale – prendendo spunto dalle notizie dei giorni scorsi circa la cessione temporanea in comodato gratuito delle aree da parte delle Ferrovie dello Stato ai Comuni - ha plaudito all'iniziativa autonoma dei Sindaci, auspicando allo stesso tempo che per il futuro si possa fare gioco di squadra tra i vari livelli istituzionali coinvolti, in modo trasversale tra i diversi schieramenti politici per raggiungere l'obiettivo concreto e auspicabile della valorizzazione turistica e ambientale della Costa dei Trabocchi.
Il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, ha fatto il punto sullo stato dell'arte, sottolineando come il comodato gratuito delle aree – che la società Ferrovie dello Stato intende cedere fino al mese di ottobre prossimo – sia in effetti solo il punto di partenza e che occorrono dei finanziamenti per rendere fruibili sia le aree che gli edifici delle vecchie stazioni ferroviarie. Nei bilanci comunali non ci sono fondi a sufficienza per attivare subito le operazioni di pulizia e manutenzione ordinaria in vista dell'estate e il Sindaco Di Giuseppantonio ha fatto appello all'Assessore Franco Caramanico e ai Consiglieri regionali presenti affinché la Regione intervenga sostenendo finanziariamente i Comuni.
A fronte delle sollecitazioni dell'opinione pubblica, rappresentate dall'Associazione Frentania Provincia, e dei sindaci dei Comuni della costa teatina rispetto alla necessità di prevedere - inoltre - un cospicuo finanziamento per l'acquisto delle aree stesse, dopo la recente cancellazione dello stanziamento previsto dalla Legge regionale n. 5 del 2007 pari a un milione e mezzo di euro dal bilancio regionale, l'Assessore Franco Caramanico si è ufficialmente impegnato a destinare una parte dei fondi per il Piano Triennale Ambiente e a verificare la possibilità di accedere ad altri finanziamenti per almeno due milioni di euro.
I Consiglieri regionali presenti hanno inoltre ribadito la strategicità per l'intero Abruzzo dell'intervento di valorizzazione della Costa dei Trabocchi, ripercorrendo le tappe che hanno portato a licenziare con voto unanime la Legge n. 5/2007 per la tutela del patrimonio paesaggistico e ambientale e contemporaneamente a portare avanti l'iter di perimetrazione del Parco nazionale della costa teatina.
A conclusione dell'incontro, gli intervenuti hanno concordato di agire con tempestività in tre direzioni: lo stanziamento di fondi per acquistare le aree da parte della Regione Abruzzo, la richiesta di fondi FAS e altri finanziamenti europei per realizzare iniziative ed interventi di tutela e valorizzazione (pista ciclabile, percorsi del gusto, passeggiata panoramica ecc.) e la disponibilità immediata di un contributo regionale di 300 – 400 mila euro ai Comuni per sistemare le aree e le ex stazioni in vista dell'estate 2008.
«Occorre fare in fretta se vogliamo arrivare pronti alla prossima estate: con il sostegno economico della Regione Abruzzo che l'Assessore Caramanico si è impegnato a garantirci dobbiamo intervenire subito per rendere fruibili le aree ai turisti e ai villeggianti – ha detto il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio – Ringrazio tutti i rappresentanti di Comuni, Provincia e Regione che hanno ancora una volta dimostrato la massima disponibilità a lavorare insieme per garantire all'economia turistica di questo territorio lo sviluppo che merita».
29/03/2008 10.22