Sequestrata la ex fornace Corvaia di Oricola

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2020

AVEZZANO. Il sito industriale della ex fornace Corvaia di Oricola, è stato sequestrato questa mattina dalla Guardia di Finanza di Avezzano che ha operato con la collaborazione dei carabinieri del Noe di Pescara.

La copertura dei capannoni è stata effettuata con un ingente quantitativo di amianto e per questo, inevitabilmente, sono scattati i sigilli.
Il proprietario dell'immobile, di cui gli inquirenti non hanno fornito le generalità, è stato denunciato per reati ambientali e penalmente in base all'articolo 677 del Codice penale per non aver effettuato lavori nel sito «che minacciano rovina».
La struttura, infatti, si trova in gravi condizioni di degrado ormai da parecchi anni e rappresenta un notevole pericolo - secondo gli inquirenti -per l'incolumità della salute dei residenti proprio in relazione all'ingente quantitativo di amianto.
Più volte si sono ripetuti appelli, anche da parte della Protezione civile, per la messa in sicurezza del sito, ma fino al provvedimento di questa mattina pare che non si sia fatto nulla.
«L'attività», ha fatto sapere la Guardia di Finanza di Avezzano che è intervenuta, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Cocco, «è finalizzata ad accertare eventuali conseguenze che la perdurante presenza di amianto, notevolmente tossico, ha potuto provocare nel corso degli anni sulla salute delle persone residenti nella zona».
Finanza e carabinieri hanno inoltre rilevato la pericolosità strutturale dell'immobile i cui capannoni si estendono su circa 10 mila metri quadrati.