Laureati aquilani occupati: dati sopra la media nazionale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1069

L’AQUILA. Secondo l’indagine nazionale condotta da Almalaurea, la percentuale di neolaureati presso l’Università dell’Aquila che a un anno dal conseguimento dal titolo lavora stabilmente, è di gran lunga superiore alla media nazionale: «E’ anche il risultato del lavoro specifico effettuato nel settore del placement, efficacemente coordinato dal prof. Enzo Chiricozzi»
AlmaLaurea è un servizio innovativo gestito da un Consorzio di Atenei Italiani con il sostegno del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, che ha l'intento di mettere in relazione aziende e laureati e di essere punto di riferimento per le diverse tematiche che riguardano gli studi universitari, l'occupazione e la condizione giovanile.
Dopo aver presentato, venerdì 29 febbraio 2008, all'Università di Catania il X Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati italiani, che ha coinvolto oltre 92mila laureati di 45 Atenei, AlmaLaurea ha messo on line, nei giorni scorsi, i primi risultati sui singoli Atenei coinvolti nell'indagine.
I laureati dell'Università dell'Aquila coinvolti nell'indagine sono 660. In particolare si tratta di 233 laureati del vecchio ordinamento e dei 427 laureati di primo livello della sessione estiva 2006 intervistati ad un anno dal conseguimento del titolo.
Per quanto riguarda i laureati di primo livello (lauree triennali), lavorano 60 neolaureati su cento (la media nazionale è del 45%): il 46% è dedito esclusivamente al lavoro, il 14% coniuga la laurea specialistica e il lavoro. Continuano gli studi quasi 47 laureati su cento: il 32,5% è impegnato esclusivamente nella laurea specialistica (contro la media nazionale del 45%). Solo 5 laureati di primo livello su cento (la media nazionale è del 6%), non lavorando e non essendo iscritti alla laurea specialistica, si dichiarano alla ricerca di lavoro.
Per quanto riguarda i laureati del vecchio ordinamento, a un anno dalla laurea lavora il 57% dei laureati dell'Ateneo dell'Aquila, mentre il 17%, prosegue la formazione. Chi cerca lavoro è il 26%. Nel confronto con la media del complesso dei laureati, il valore degli occupati neolaureati all'Università dell'Aquila risulta superiore (57% contro 53% della media nazionale).
«I risultati di questa indagine – ha dichiarato il rettore prof. Ferdinando di Orio – sono particolarmente significativi, perché indicano che i nostri laureati sono richiesti dal mercato di lavoro, che evidentemente ne riconosce la qualificazione formativa e la competenza professionale. Tra i tanti metodi di valutare la qualità dell'offerta formativa e dell'attività didattica delle Università, la percentuale di neolaureati che lavorano stabilmente dopo il conseguimento della laurea è forse il più oggettivo e trasparente».

20/03/2008 11.57

[url=www.almalaurea.it/universita/occupazione/occupazione06]L'INTERA RICERCA E TUTTI GLI ALTRI ATENEI[/url]