Eurobasket 2007, partiti i primi decreti ingiuntivi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1700

CHIETI. Debiti che arrivano a 18 milioni di euro secondo le denunce di Alleanza Nazionale. Tutto in regola, sentendo invece il comitato organizzatore degli Eurobasket femminili di Chieti. In una situazione ancora tutta da chiarire c'è però qualche certezza: i primi decreti ingiuntivi partiti da parte di una ventina di collaboratori che non sono stati ancora pagati.
La denuncia arriva da parte de La Base di Chieti che assicura di aver ricevuto un riscontro dell'attivazione di vari decreti ingiuntivi.
L'azione legale, secondo quanto spiega La Base, sarebbe partita «dopo la latitanza a fornire risposte di qualsiasi tipo da parte degli organizzatori sui tempi e modalità di pagamento degli stipendi».
Se non si hanno risposte, quindi, meglio rimettersi nelle mani di un avvocato e cercare di ottenere quanto di diritto.
Ma i collaboratori non sarebbero gli unici ad attendere i rimborsi per le prestazioni garantite in un arco temporale che va da febbraio 2007 a novembre dello stesso anno.
Ci sarebbe, infatti, una lunghissima lista di fornitori che deve ancora vedere rimborsate le proprie fatture.
Secondo la situazione finanziari ricostruita dalle denunce di Alleanza Nazionale i debiti del comitato che ha organizzato l'evento supererebbero addirittura i 18 milioni e mezzo di euro.
Una situazione tragica, quindi, smentita seccamente dagli stessi organizzatori.
Nello specifico alle banche dovrebbero essere rimborsati ancora 1.580.020, 04 di cui 185.126,60 euro alla Bls e 1.394.893,44 alla Serfina.
Ai fornitori spetterebbero ancora 9.282,388,17, ai collaboratori 508.833,15, somma che con l'aggiunta di Inps e Irpef arriva a 833.846,79.
Poi c'è la sezione palazzetti: tra le strutture di Lanciano, Vasto, Ortona e Chieti si arriva a 6.883.088,78.
Sulla vicenda pendono ormai anche esposti e la procura della Repubblica di Chieti potrebbe attivarsi anche per questo filone e vederci chiaro e dunque verificare la fondatezza delle denunce.
«Dello straordinario evento sportivo è rimasto solo un flebile ricordo», aggiunge oggi La Base, «mentre il Palatricalle non viene neanche utilizzato dalla squadra locale per le sue partite interne di campionato e sembra destinata all'abbandono totale».
Una inchiesta penale è stata aperta alcuni mesi fa dalla stessa procura per eventuali irregolarità circa la costruzione del Villaggio olimpico, la principale opera- che riguarda l'altro evento sportivo di riguardo: i giochi del Mediterraneo.

18/03/2008 9.53