Veglia il marito morto per quattro giorni, poi chiede aiuto al sindaco

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1182

ROCCAPIA (L'AQUILA). Una donna di 53 anni ha vegliato il marito morto in casa per quattro giorni prima di avvertire qualcuno. L'unica "complice" è stata sua mamma, una 80 enne, che con lei ha continuato a vivere in quella casa come se nulla fosse successo.
Riverso per terra dopo il malore fatale al cuore. E' rimasto così per giorni Garofalo Sebastiano, detto Sergio, 74 anni, da tempo malato di cuore. Secondo una prima ricognizione cadaverica sarebbe deceduto a causa di un infarto. Già nei giorni precedenti l'uomo aveva accusato un dolore al petto e il medico gli aveva consigliato un ricovero per degli accertamenti. Ma lui è rimasto in paese.
Pittore, personaggio schivo che si era trasferito da alcuni anni da Torino, è morto nella sua casa, martedì scorso. E a casa è rimasto fino a ieri, quando la moglie è andata dal sindaco della città a chiedere aiuto.
«La donna è venuta da me», ha raccontato Silvino Tabacco, il primo cittadino di Roccapia, comune di poco meno di 250 residenti a oltre mille metri d'altitudine, «e mi ha chiesto la possibilità di ottenere assistenza per il marito malato».
Solo quando Tabacco si è offerto di mandare un'infermiera per controllare la salute del coniuge la donna ha spiegato la situazione:
«mi ha detto che ormai era troppo tardi perché Sebastiano era già morto. E mentre stavamo parlando diceva che la situazione stava diventando grave perchè il povero Sergio si era gonfiato e perdeva sangue dalla bocca».
In un primo momento il sindaco ha stentato a crederle ma date le insistenze della donna ha avvisato vigili urbani, carabinieri e 118.
«Quando abbiamo aperto la porta lo abbiamo visto riverso sul pavimento della cucina coperto da un plaid. Vicino c'era la suocera che lo vegliava seduta su una sedia e i cani che gli gironzolavano intorno».
Sul cadavere dell'uomo è stata disposta l'autopsia dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Sulmona, Maria Teresa Leacche, ha disposto.

15/03/2008 10.34