Epidemia influenzale tra i macchinisti: la Sangritana taglia 22 treni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

989

LANCIANO. I mali di stagione non hanno risparmiato nemmeno i dipendenti della Sangritana e su 16 macchinisti ben 8 sono in malattia. Il fatto sarebbe di poco rilievo se non fosse che a causa di questa vera e propria epidemia influenzale l'azienda si è vista costretta a sopprimere temporaneamente alcuni treni per mancanza di personale.
Da lunedì si è fermato il trasporto su rotaia nella tratta San Vito- Pescara e Pescara-Vasto; oggi anche la tratta SanVito-Pescara-Teramo e San Vito-Pescara-Vasto-Teramo hanno subito la stessa sorte.
L'azienda si è subito attivata con corse sostitutive su gomma.
Il servizio viene, dunque, assicurato dagli autobus –assicurano dall'azienda- che pur avendo gli stessi orari dei treni, non sempre riescono a rispettarli perchè sono più lenti, hanno maggiori fermate e possono accumulare ritardi.
«Una situazione di difficoltà che la Sangritana sta affrontando», hanno detto i vertici, «cercando di limitare i disagi degli utenti, che dovranno pazientare almeno fino a sabato 15 marzo. L'emergenza, perchè di questo si tratta, dovrebbe rientrare per questa data e dalla prossima settimana si tornerà alla normalità».
Non sono mancati comunque disagi per i passeggeri che non sono stati avvisati per tempo.
Ma sulla “epidemia di massa” esiste un vero e proprio giallo dovuto alla coincidenza della malattia dei macchinisti.
Per questa ragione sarebbero state inviate visite fiscali volte ad appurare la veridicità di quanto attestato nei certificati medici.
Il malumore negli ultimi mesi –secondo alcune fonti sindacali- sarebbe aumentato all'interno della Sangritana ed anche in passato vi sono stati diversi scioperi e prese di posizioni verso la nuova gestione voluta dal centrosinistra che ha nominato ai vertici Loredana Di Lorenzo (Pd).
Qualcuno avrebbe addirittura messo in relazione l'influenza con l'inaugurazione che si terrà sabato prossimo della stazione di Lanciano dopo anni di rinvii e ritardi.

12/03/2008 8.19