Cauzione sullo skipass, scatta l’esposto alla Guardia di Finanza

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1305

ROCCARASO. Alla ricezione dello skipass per godersi una giornata sulle nevi è necessario versare una cauzione di 3 euro che sarà restituita, così dicono, alla riconsegna dello stesso.

ROCCARASO. Alla ricezione dello skipass per godersi una giornata sulle nevi è necessario versare una cauzione di 3 euro che sarà restituita, così dicono, alla riconsegna dello stesso. Non è andata così ad un turista che ha deciso di ribellarsi e tramite l'associazione Codici ha fatto scattare un esposto alla Guardia di Finanza.
Il gestore degli impianti sciistici di Roccaraso rilascia gli skipass ad un determinato costo, permettendo al fruitore di avere indietro 3 euro di cauzione al termine del suo utilizzo.
«Peccato però», spiega l'associazione dei consumatori Codici «che, alla fine della settimana, o della giornata, l'impiegato abbia risposto al cittadino che era possibile riavere indietro i suoi 3 euro solamente alla fine della stagione».
È chiaro che se si tratta di turisti poco probabilmente decideranno di ritornare a Roccaraso a riscuotere i suoi 3 euro.
«E questi soldi finiranno nelle tasche del gestore, che con questa modalità ha praticamente impedito a questo cittadino (come a tutti gli altri) di godere di un suo diritto», sostiene Codici.
«Abbiamo dunque inoltrato un esposto alla Guardia di Finanza», spiega Ivano Giacomelli, segretario nazionale dell'associazione, «poiché quei soldi, che a fine stagione saranno restituiti praticamente a nessuno, andranno ad ingrassare le casse dei gestori dell'impianto, ma non sappiamo a quale titolo. Ovvero: ci pagherà le tasse sopra? Inoltre, non riusciamo a cogliere la ragione per cui il gestore restituirà la cauzione a fine stagione, se non quella di non volerla restituire affatto. Quanti saranno i pignoli che si faranno un viaggio solo per recuperare tre euro?».
Codici, sollevata la questione, annuncia un'indagine simile su tutti i maggiori impianti sciistici, verificando se questa sia o meno pratica diffusa tra i gestori.

11/03/2008 11.19