Stabilimento Legrin, Coletti: «riattivate le produzione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

612

LANCIANO. Ha chiesto di stringere i tempi, il presidente della Provincia di Chieti, Tommaso Coletti, affinchè la produzione possa essere di nuovo attivata presso lo stabilimento Legrin SPA di Lanciano, che ha subito il blocco delle attività a seguito di un provvedimento di sequestro emesso dalla magistratura di Lanciano.
Il presidente Coletti durante l'incontro di questa mattina in Provincia ha chiesto alla Legrin di chiedere il dissequestro e mettersi in regola secondo le prescrizioni fatte sia dal Consorzio industriale che dalla magistratura.
Dal canto suo l'ASI Sangro , facendo riferimento a quanto stabilito già nella convenzione stipulata nel 2006 al momento che l'Allegrino srl era in liquidazione, ovvero di non scaricare nelle fognatura senza alcuna autorizzazione e di installare un misuratore di portata e di un campionatore.
L'azienda ha affermato di aver provveduto, ma il Consorzio ha evidenziato che al momento del controllo non erano attivi per mancanza di corrente ed ha quindi chiesto di munirsi di un generatore di corrente, di differenziare gli scarichi come il siero, le acque di primo lavaggio e quelle di secondo, con un monitoraggio frequente per verificare il funzionamento.
L'azienda si è mostrata disponile ed il presidente della provincia, Tommaso Coletti ha ribadito di accelerare i tempi per il dissequestro e di chiedere l'autorizzazione al Consorzio per la riapertura dello scarico, in modo che i 60 lavoratori possano riprendere la produzione.
Erano presenti all'incontro oltre al presidente gli assessori provinciale, Giovanni Di Fonzo, Luciano Nelli e Franscesco Piccolotti, il consigliere provinciale dei Verdi , Alex Caporale, il sindaco di Lanciano Filippo Paolini, il Presidente del Consorzio ASI Sangro, Giuseppe Cellucci, il Presidente dell'Arta Gaetano Basti, la proprietà rappresenta dall'amministratore Delegato Cesare Michelin e Nello Savini ed i rappresentanti sindacali dei lavoratori.

10/03/2008 15.22