Mamma con tre figli, arrestata a famiglia di spacciatori

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1200

PESCARA. Continua il contrasto allo spaccio al minuto della droga. Dopo gli arresti eseguiti nei confronti delle tre persone che spacciavano in piazza 1° Maggio, nella giornata di ieri è stato tratto in arresto un intero nucleo familiare, madre e tre figli, residente nel quartiere Fontanelle. E AD AVEZZANO SGOMINATA BANDA DI 6 ROMENI
Sono Ornella Di Zillo, nata a Montenero di Bisaccia (CB) 40 anni, madre e vedova, i figli Luigi di 20 anni, disoccupato con precedenti penali e i gemelli Angelo e Antonio di 19 anni.
I Carabinieri da diversi giorni tenevano sotto controllo il via vai di tossicodipendenti che entravano ed uscivano dall'abitazione dei quattro arrestati.
Ieri sera i militari hanno fatto irruzione nell'appartamento, cogliendo di sorpresa gli inquilini.
La perquisizione ha consentito di trovare e sequestrare un involucro in cellophane trasparente che conteneva eroina suddivisa in diversi pezzi di vario peso e misura, di 42,5 grammi circa; 1 involucro in cellophane di colore bianco pieno di cocaina di 1 grammo circa; 1 bilancino elettronico di precisione funzionante; 1 cucchiaino in acciaio da caffé; 1 paio di forbici in acciaio; 1 coltello da cucina; vari ritagli di buste per il confezionare le dosi di stupefacenti.
168 le dosi ricavabili dai 42,5 grammi di eroina, cosiddetti quartini, che avrebbero fatto guadagnare 3.360,00 € circa. Sono stati inoltre sequestrate banconote di vario taglio per una somma complessiva di euro 2.590,00, verosimilmente provento dello spaccio.


E AD AVEZZANO SGOMINATA BANDA DI 6 ROMENI

AVEZZANO. L'operazione e' scattata a seguito di una rapina messa a segno ai danni di una donna
anziana di Avezzano. Fu aggredita e picchiata fino a quando non rivelò il nascondiglio con i suoi risparmi. In un altro episodio una donna a ottobre subì una rapina in casa e anche in quel caso fu picchiata. Le indagini, durate diversi mesi, hanno portato all'avvio di una operazione denominata "Nightmare".
Gli arrestati sono Pricop Florin, di 22 anni, residente a Monte San Giovanni campano (Frosinone), rinchiuso nel carcere dell'Aquila, Stefan Alixandrii, di 19 anni e Stoica Nicolae Marian (27), residenti ad Avezzano, finiti ai domiciliari, tutti rumeni.
A due donne rumene, che sembra avessero il ruolo di ricettatrici, I.L. (27) e A.L.N. (21) e'
stato concesso l'obbligo di dimora. Molta merce, tra cui oro, e oggetti informatici, e' stata recuperata dai carabinieri della compagnia di Avezzano. Nella vicenda e' coinvolta una persona
di Avezzano che avrebbe acquistato della merce informatica rubata.


07/03/2008 17.18