Borghi scarl approva il Piano: salgono a 30 gli enti soci

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

680


TERAMO. L'assemblea della Borghi scarl ha approvato il Piano operativo, documento che individua le linee strategiche della società per i prossimi due anni. Intanto hanno aderito altri 8 Comuni e salgono a 30 i soci della Borghi che si è candidata a diventare “Distretto Culturale” per poter accedere anche ai finanziamenti europei.
«A questo punto – commenta il presidente Ernino D'Agostino - diventano prioritari alcuni interventi: l'allargamento della base sociale a soggetti privati e la realizzazione del Piano particolareggiato dei borghi, uno strumento urbanistico indispensabile per avviare la fase di recupero delle strutture. Infine, ma non da ultimo, è necessaria la condivisione dei nostri programmi con l'Ente Parco Gran Sasso Monti della Laga visto che all'interno del territorio protetto esistono molti borghi di grande valenza turistica».
Nei prossimi giorni il presidente D'Agostino incontrerà il commissario dell'Ente Parco, Stefano Allavena, subito dopo saranno presentati i due progetti-pilota già individuati dal Piano Operativo approvato dall'assemblea.
05/03/2008 13.53