Coop Adriatica.Si scelgono i rappresentanti. In Abruzzo 17 volontari da votare

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

620

ABRUZZO. C’è tempo fino al 20 marzo per presentare la propria candidatura ed entrare a far parte di uno dei 14 consigli di zona della Cooperativa. Solidarietà, consumo consapevole, ambiente e cultura i quattro temi su cui impegnarsi. «Una grande occasione di democrazia diretta che distingue la Cooperativa da altri tipi di imprese» dichiara il direttore delle politiche sociali Marco Gaiba.
La Coop? Dal 20 febbraio puoi essere proprio tu. Sono appena partite infatti le autocandidature per entrare a far parte della “squadra” di volontari che nei prossimi tre anni rappresenteranno i soci della Cooperativa di consumatori.
In Abruzzo sono chiamati alle urne in 39mila soci per nominare 17 consiglieri, nella zona soci che fa riferimento al punto vendita di Coop Adriatica in regione, l' Ipercoop Centro D'Abruzzo. Ma le votazioni coinvolgeranno tutti i soci del territorio di pertinenza della Cooperativa, dalla provincia di Bologna alla Romagna, dalle Marche al Veneto: complessivamente saranno dunque eletti ben 407 rappresentanti che, suddivisi nei 14 consigli territoriali, si impegneranno volontariamente nella organizzazione di iniziative di educazione ai consumi, di solidarietà, di tutela ambientale e di promozione culturale.
«L'elezione diretta degli organi sociali rappresenta una straordinaria opportunità di partecipazione democratica – dichiara il direttore delle politiche sociali di Coop Adriatica Marco Gaiba – forse la più importante tra quelle proposte ai nostri soci, a testimonianza della reale differenza tra una Cooperativa e le altre imprese della grande distribuzione. I consiglieri di zona sono, infatti, i rappresentanti di quel milione di persone che costituisce la proprietà della Cooperativa, ognuno dei quali può esercitare i propri diritti e doveri nella vita quotidiana dell'impresa».
Le votazioni si svolgeranno dal 14 al 24 aprile, ma il coinvolgimento diretto dei soci prende il via già in questi giorni nella fase di definizione delle liste per le quali viene utilizzato il metodo dell'autocandidatura, a garanzia di una effettiva partecipazione democratica dal basso.
Fino al 20 marzo chi è in regola con il versamento della quota sociale può quindi avanzare la propria candidatura a consigliere di zona.
I consiglieri eletti, che partecipano volontariamente alle iniziative sociali promosse dalla Cooperativa, possono proporre nuove attività ed esprimere il proprio parere nei momenti di incontro istituzionale. Come rappresentanti locali di Coop Adriatica, inoltre, sono anche il punto di riferimento per le istituzioni e il mondo del volontariato del territorio, e per tutti gli altri soci nei punti vendita.

29/02/2008 10.37