Balneatori Montesilvano:«i problemi di sempre ancora irrisolti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

954

MONTESILVANO. Piano spiaggia, riqualificazione della costa, sicurezza del lungomare, allacci alla rete gas, scarichi di Fosso Mazzocco. Sono ancora tutti senza soluzione i problemi del turismo di Montesilvano, così come emerso dall'assemblea degli imprenditori turistici organizzata da Fiba-Confesercenti.
A un anno dalle elezioni comunali, rileva la associazione di categoria, «siamo ancora in attesa che il sindaco Pasquale Cordoma dia seguito alla sua promessa elettorale di rivedere il Piano spiaggia contro il quale gli operatori hanno presentato ricorso al Tar, e sul quale pende anche la possibilità di ricorrere in Cassazione» spiega il coordinamento di Fiba-Confesercenti di Montesilvano, «perché per le imprese la prima necessità è la certezza delle norme, in base alle quali poter poi decidere gli investimenti».
Ma i problemi del turismo a Montesilvano sono anche altri.
«A pochi mesi dall'inizio della stagione, e a sole due settimane dalle vacanze di Pasqua» dice Fiba-Confesercenti, «non c'è una programmazione turistica, manca un piano per la sicurezza del lungomare così come non c'è una programmazione del traffico e dei parcheggi in vista dell'estate: proprio in questo periodo invece Montesilvano dovrebbe mostrare il meglio di sé, perché molti turisti scelgono proprio le vacanze di Pasqua per decidere dove trascorrere le ferie estive e la nostra città dovrebbe presentarsi pronta, curata, all'altezza delle aspettative».
Anche per questo Fiba-Confesercenti ha chiesto un incontro al sindaco. «Ci sono altri problemi che vanno affrontati con urgenza» dice l'associazione imprenditoriale, «come gli allacci alla rete gas nella parte sud del lungomare, i rifiuti, gli scarichi di Fosso Mazzocco. È necessario che le risorse che arriveranno dal risarcimento della Regione vengano investite sulla principale risorsa economica della città, ovvero il mare».

28/02/2008 11.52