Al via il 3° lotto dell’arredo urbano di Caramanico

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1268

CARAMANICO TERME. Nei giorni scorsi sono stati avviati i lavori di arredo e riqualificazione urbana di Caramanico Terme. Con questo terzo lotto e l’attuato intervento sul ‘Parco del Pisciarello’, negli ultimi tre anni il Comune ha investito oltre 500mila euro sul ridisegno della qualità urbana.
Il progetto, recentemente affidato all'Impresa Zigrossi, prevede una serie di interventi che completano il riassetto di alcuni nodi cruciali del centro urbano.
«L'obiettivo di tale ultimo intervento», spiegano dal Comune, «consiste nella valorizzazione delle ricchezze naturali e storiche, traguardo raggiungibile migliorando l'impatto visivo, facilitando l'orientamento, la fruibilità e la percorribilità degli spazi, curando l'estetica con la scelta di materiali di arredo urbano consoni al paesaggio. Si tratta di un intervento che non altera il territorio e non interferisce con le bellezze del luogo ma anzi le recupera e le esalta offrendo una loro nuova immagine».
Il primo intervento riguarderà la generale riqualificazione della gradinata di accesso al sagrato della cattedrale S.Maria Maggiore, utilizzando esclusivamente Pietra della Majella di recupero, che consentirà, per altro, l'accesso all'ascensore del Palazzo Comunale abilitata per i portatori di handicap.
Una parte consistente dell'opera, inoltre, si attesterà sul miglioramento dell'isola pedonale di Corso Bernardi, che verrà attrezzata mediante l'installazione di barriere mobili a funzionamento elettromeccanico e ad apertura automatica, funzionante con radiocomando, dotate di sistema autonomo di sicurezza (cicalino, segnalatore luminoso con led ad alta velocità), sblocco manuale e fotocellule di cortesia.


Le barriere, arredate con fioriere ornamentali, sono composte da un elemento rotante a pianta ottagonale (contenente il blocco motore) girevolmente associato ad un elemento mobile (fioriera) a base ottagonale allungata, dotata di ruota articolata ad un albero motore e cardano autolivellante che consentono la traiettoria di movimento ad arco di cerchio della barriera.
«Altri interventi», spiegano ancora dall'ufficio tecnico comunale,«sono previsti nell'area verde del ‘Pisciarello', laddove mediante il completamento delle attrezzature secondo un disegno coordinato, si consentirà la definitiva riattivazione del ‘Parco', importante e fondamentale infrastruttura imprescindibilmente legata alla economia turistica locale. Attraverso, poi, l'installazione di appositi dissuasori di traffico si procederà alla definitiva affermazione della pedonalità di alcune aree, come il piazzale dell'ascensore antistante Piazza Marconi, Via Cappuccini –già interessata nella scorsa estate dai lavori di consolidamento effettuati dalla Provincia di Pescara- ed il Piazzale del Convento S.Francesco, con la sistemazione delle pavimentazioni e delle aree pedonali di accesso all'area».
Il progetto, infine, contempla opere finalizzate a completare l'arredo urbano della città, mediante il completamento della toponomastica sull'intero territorio comunale, l'ulteriore installazione di elementi di arredo (panchine, fioriere e cestini portarifiuti) oltre che di bacheche informative destinate alla comunicazione istituzionale e non.

25/02/2008 10.37