Al Distretto sanitario di Vasto per il dentista si paga solo il ticket

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1374

VASTO. Il sorriso dei Vastesi da oggi può contare su un alleato in più: la Asl Lanciano-Vasto. Presso il Distretto Sanitario di Base di Vasto è stato attivato, infatti, il nuovo servizio di odontoiatria e odontostomatologia che sarà presentato al pubblico domani, alle 11.30 presso i locali del Distretto in via Michetti.
Ci saranno il responsabile della struttura Salvatore Vallone, del Direttore Generale della Asl Lanciano-Vasto Michele Caporossi, del sindaco di Vasto Luciano Lapenna e dell'Assessore regionale alla Sanità Bernardo Mazzocca.
Il nuovo ambulatorio è in grado di effettuare la maggior parte delle cure dentistiche (otturazioni, estrazioni, devitalizzazioni, ricostruzioni, visite, ecc…) al prezzo del solo ticket per un massimo di 36,15 euro. Sono escluse, per ora, solo le prestazioni ad altissima specializzazione, come ad esempio l'implatologia.Il servizio, affidato alla dottoressa Delia Farina, è attivo il lunedì e il martedì dalle 8.30 alle 13.30 e il giovedì dalle 9.00 alle 13.00. Per prenotazioni e informazioni ci si può rivolgere direttamente al Distretto chiamando i numeri 0873.308754 – 308756 – 308742. Per prenotare le prestazioni gli utenti si dovranno dotare di impegnativa del loro medico di famiglia con l'indicazione di “visita odontoiatrica”. Alla prescrizione specifica provvederà poi direttamente la dott.ssa Farina.
«Si tratta – precisa il Direttore Generale della Asl Michele Caporossi – di un concreto esperimento di odontoiatria sociale sul territorio, che va incontro a una reale esigenza di tantissimi cittadini che faticano ad accedere alle prestazioni odontoiatriche erogate dagli studi dentistici privati. Con questo nuovo servizio – prosegue Caporossi – intendiamo di allargare ulteriormente l'offerta di servizi per la salute, entrando in un campo che troppo spesso viene trascurato dalla sanità pubblica ma che al contrario rappresenta una tessera importante nel sistema di benessere globale che abbiamo il dovere di assicurare ai nostri clienti. Per farlo ci affidiamo a una professionista, la dott.ssa Farina, che da tempo esercita come odontoiatra e sulle cui capacità gli utenti possono essere assolutamente tranquilli».
Recenti indagini hanno evidenziato come le cure odontoiatriche siano diventate ormai un lusso per molte famiglie italiane, che sempre più spesso rinunciano al dentista, troppo caro per il loro bilancio, o limitano al massimo gli interventi. Il fenomeno, avvertito dagli stessi odontoiatri, è confermato anche dai dati: secondo il recente Rapporto Sanità 2007 del Ceis (Center for Economics and Intranational Studies) le famiglie più povere destinano alle cure dei denti solo il 6% del loro esborso totale per la spesa privata sanitaria, contro oltre il 32% impiegato per l'odontoiatria dalle fasce di reddito più alte. Ciò vuol dire che la maggior parte delle famiglie disagiate non si cura o lo fa poco.
Le associazioni di consumatori da tempo chiedono un maggior impegno della sanità pubblica nel settore delle cure odontoiatriche, per porre un freno a un sistema di concorrenza quasi totalmente sbilanciato verso il libero mercato e il settore privato, mentre Cittandinanzattiva sollecita con insistenza l'inclusione dell' odontoiatria pubblica nei Livelli essenziali di assistenza (Lea). Ecco allora come in un tale contesto quella della Asl Lanciano-Vasto rappresenti un'iniziativa che risponde in pieno a una domanda di salute e rappresenta al tempo stesso un'istanza di equità sociale, poco soddisfatta nell'ambito della sanità pubblica.

19/02/2008 15.43