Canile Trasacco, ammessa la costituzione di parte civile degli animalisti

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1177

AVEZZANO. Nei giorni scorsi si è svolta l'udienza con cui è stata avviata l'attività dell'istruttoria dibattimentale del procedimento iniziato qualche anno fa a seguito della denuncia dell'associazione Animalisti Italiani per maltrattamento di animali e delle denunce di un confinante contro Pino Corsi, il gestore del Centro Cinofilo del Fucino, canile di Trasacco.
Durante l'udienza, svoltasi presso il Tribunale penale di Avezzano, il giudice ha ammesso la costituzione di parte civile da parte degli Animalisti Italiani ed è stato escusso a testimonianza, assistito dall'avvocato Stefano Caroti.
«Nel 2004», spiega Walter Caporale dei Verdi, «l'associazione, a seguito di un mio sopralluogo e di un blitz cui partecipò anche Striscia La Notizia, presentò denuncia per maltrattamento di animali contro Pino Corsi, già denunciato dal confinante del canile per la violazione della normativa regionale nella gestione della struttura».
Il numero dei cani detenuti era ed è ancora superiore alla capacità della struttura, la quale inoltre si trova ad una distanza decisamente inferiore a quella consentita dalla normativa al riguardo, rispetto alle abitazioni confinanti.
Da qui il problema delle immissioni sonore causato dal continuo latrare disperato dei cani ammassati all'interno del canile.
La struttura inoltre è coperta da pannelli che non consentono la completa areazione dei box con le immaginabili conseguenze per il benessere psicofisico dei cani e risulta priva di un'area per lo sgambamento dei poveri animali rinchiusi.
«Nonostante alcuni provvedimenti che sembravano farci ben sperare -conclude Walter Caporale - per la chiusura del Centro Cinofilo, ancora oggi la struttura è operativa e il numero dei cani detenuti è decisamente eccessivo per consentirne il rispetto delle loro esigenze etologiche. Auspico una celere soluzione della vicenda a favore di persone e animali coinvolti e l'ammissione della costituzione di parte civile rappresenta un passo avanti in questa direzione».



19/02/2008 14.57