Sequestrati 10mila pezzi di merce contraffatta in un negozio cinese

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

789

PESCARA. Le Fiamme Gialle del Nucleo di polizia tributaria hanno individuato nei pressi dello stadio cittadino un esercizio commerciale gestito da un cittadino cinese, a cui hanno sequestrato oltre 10.000 articoli.
Il negozio era davvero ben fornito e pieno di prodotti con firme contraffatte: borse di Gucci, Martini, Chanel, Burberrys ed ancora cinture e portafogli dai prestigiosi marchi.
Bastava guardarsi in giro e scegliere. Ma ieri sono arrivati i finanzieri e per un bel po' nel negozio ci sarà ben poca roba da vendere.
La merce è stata sottoposta a sequestro perché immessi in commercio illegalmente violando la normativa del settore che vieta l'introduzione in Italia e la vendita di prodotti con marchi falsi.
Il proprietario del negozio, denunciato a piede libero anche per la vendita di prodotti industriali che non hanno tutte le autorizzazioni alla Procura della Repubblica di Pescara, è un cittadino di origine cinese di 45 anni ma residente in Pescara.
E' questo l'ultimo di una lunga serie di servizi svolti dalle pattuglie di finanzieri del Comando Provinciale di Pescara che operano in tutta la Provincia da soli e insieme ad altre Forze di Polizia nell'ambito delle programmate attività di controllo del territorio.
Solo nel 2008 i servizi effettuati hanno portato al sequestro di oltre quattordicimila articoli tra merci contraffatte e supporti magnetici illecitamente masterizzati. Sono state denunciare in questi primi mesi dell'anno cinque persone.
14/02/2008 9.06