Wi Max, l'offerta di Toto tra le più consistenti d'Italia

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

6631

ROMA. Si è conclusa la fase di apertura delle buste contenenti le offerte iniziali per la gara WiMax per l'assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze per il BWA (Broadband Wireless Access) nella banda 3,4-3,6 GHz. Tra le offerte più consistenti quella della Toto Costruzioni.
Questo inizio 2008 è decisamente ricco di iniziative per l'imprenditore teatino che dopo l'intenzione di aggiudicarsi Alitalia (ipotEsi ancora in piedi) punta al Wi Max. E l'offerta presentata nei giorni scorsi è decisamente la più interessante di tutte e riesce a battere anche i grandi colossi della comunicazione italiana.
In totale sono pervenute 179 offerte iniziali valide per tutti i 35 diritti d'uso (14 macroregionali e 21 regionali/provinciali). Allo stato attuale non vi sono aree per le quali sia stato possibile procedere all'assegnazione immediata dei diritti d'uso e quindi si procederà ovunque alla fase d'asta coi miglioramenti competitivi.
Tra le offerte più importanti il Ministero ha posto l'attenzione su Telecom Italia, Ariaadsl, A. F. T., Elettronica Industriale (Mediaset), E-Via (Gruppo Retelit) e Wind. Ma la novità più grande arriva proprio dalla Toto Costruzioni (AirOne). Quest'ultima viene considerata tra le offerte in assoluto più consistenti con 3.511.770 e 3.521.870. Il settore delle comunicazioni del futuro potrebbero quindi essere il vero trampolino di lancio per l'imprenditore che nell'ultimo anno ha aumentato la sua notorietà ma che al momento non ha ancora concluso le grandi operazioni di cui è protagonista.
E' stata considerata valida anche l'offerta di Abruzzo Engineering (336.000).
«La riduzione del "digital-divide" e il diritto a Internet veloce – ha dichiarato il Ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni – sono fra gli obiettivi strategici dell'Italia per i prossimi anni, traguardo indispensabile perché la diffusione della banda larga si affermi come il nuovo servizio universale del XXI secolo».
L'utilizzo dei sistemi BWA,che sfruttano la propagazione via radio per offrire all'utente l'accesso alla "banda larga", permetterà di coprire aree geografiche più difficilmente raggiungibili o attualmente poco remunerative per gli operatori, contribuendo in modo decisivo alla riduzione del divario digitale, tramite connessioni ad alta velocità alle reti di telecomunicazioni (fino a 74 Mbit/s), in un raggio di circa 50 chilometri dal singolo punto di propagazione (rispetto invece alle poche decine di metri della tecnologia WiFi).
L'ammontare totale delle offerte migliori, pari all'introito della gara se l'intera procedura fosse terminata qui, è pari ad Euro 49.800.000.
La gara d'asta con i miglioramenti competitivi avrà inizio il 13 febbraio 2008 presso l'area allestita appositamente dal Ministero delle Comunicazioni, nella sede di viale America n° 201 a Roma.

05/02/2008 10.52

[url=http://www.comunicazioni.it/binary/min_comunicazioni/comunicati_stampa/elenco_offerte_iniziali_wimax2.pdf]GUARDA L'ELENCO[/url]