La Cava. Per "salvare" Pescomaggiore ci si rivolge al difensore civico

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

8560

PESCOMAGGIORE (AQ). Il Comitato per la Rinascita di Pescomaggiore nel mese di dicembre ha depositato, presso il Settore Ambiente del Comune di L'Aquila, proprie osservazioni in opposizione all'ennesimo mutamento di destinazione di terre civiche di Pescomaggiore.
Un cambiamento, spiega il presidente dell'associazione Dario d'Alessandro, che trasferirà i terreni alla attività estrattiva «senza la minima valutazione dei costi e dei benefici per la collettività».
Il Comitato si era opposta al progetto della cava: l'attività estrattiva avrebbe dovuto cessare fin dal 2006, con il ripristino ambientale dei luoghi, mentre per ampliamenti progressivi l'attività rimarrà in esercizio fin oltre il 2020, «pregiudicando ogni altra ipotesi di sviluppo dell'abitato, già escluso dal Parco per esigenze Militari».
Nell'occasione il comitato ha richiesto l'accesso ai documenti amministrativi relativi all'attività estrattiva in esercizio ed in particolare agli ampliamenti progressivi succedutisi nel corso dell'ultimo decennio.
«Un passaggio indispensabile», ricorda d'Alessandro, «per l'avvio di un processo cognitivo e valutativo condiviso sulla realtà estrattiva e sui pro ed i contro della sua prosecuzione».
Eppure il competente Settore non solo non ha consentito l'accesso, ma «nemmeno ha ritenuto di formulare le proprie ragioni, rimanendo per sessanta giorni in un silenzio imbarazzante».
Se si ricorda anche che la scelta dell'avvio del procedimento di mutamento di destinazione di terre civiche frazionali è, in assenza di un'apposita amministrazione separata, di esclusiva competenza e volontà comunale, allora l'imbarazzo si trasforma in inquietudine.
Non trovando da solo un'esaustiva ragione, il comitato si è rivolto ieri al Difensore Civico per ottenere l'accesso alla documentazione amministrativa ed ha interessato della vicenda la competente Procura della Repubblica.
Nell'attesa degli esiti il Comitato procederà nell'acquisizione di informazioni utili presso le altre autorità competenti.

02/02/2008 10.36