Trimarchi nuovo presidente del Tsa. «Nomina tecnica non politica»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

7910

L’AQUILA. E' il docente universitario Michele Trimarchi, professore ordinario di Analisi Economica del Dirittto presso la Facoltà di Giurisprudenza di Catanzaro, il nuovo presidente del Teatro Stabile Abruzzese (TSA).
Lo ha annunciato, questa mattina, l'assessore alla Cultura, Betti Mura, subito dopo l'approvazione della nomina da parte della Giunta regionale.
«Si tratta di un docente di economia dello spettacolo - ha spiegato l'assessore Mura - quindi, è una nomina tecnica e non politica che, oltretutto, non risponde affatto a logiche di campanile visto che Trimarchi è originario di Messina. Questa scelta condivisa, tra l'altro, dalle quattro Province - ha continuato Betti Mura - rappresenta un'occasione importante per fare in modo che il TSA diventi davvero il cuore pulsante, il fulcro dell'intera attività teatrale in Abruzzo»
La "mission" principale, secondo l'assessore Mura, è quella di fidelizzare il rappporto con la popolazione abruzzese ed in particolare con i giovani in età scolastica, l'80% dei quali, non è mai entrato in un teatro.
In un concetto, far crescere l'interesse e la passione per un veicolo di cultura insostituibile come il teatro.
Il professor Michele Trimarchi subentra alla presidente della Provincia dell'Aquila, Stefania Pezzopane, che circa un mese fa aveva rassegnato le dimissioni.
Una scelta che cade all'indomani del varo di decreti ministeriali che impongono ai Teatri Stabili, e quindi anche al TSA, nuove e più stringenti regole che, tra l'altro, prevedono l'obbligo di garantire dodici repliche in sedi direttamente gestite.
«Rivedere ed adeguare lo statuto del TSA, ormai vetusto e poco chiaro, è un'altra delle priorità - ha affermato l'assesore Mura - mentre, in relazione alla distribuzione ed alla produzione degli spettacoli, va rivisto anche il rapporto con l'Atam con cui era in vigore una convenzione poi scaduta nel 2003».
29/01/2008 14.25