Circomare Vasto, scoperti gli inquinatori di Punta Aderci

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3750

VASTO. Due persone segnalate alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Vasto (Chieti) per l'abbandono, nella riserva naturale di Punta Aderci, di fusti contenenti sgrassante altamente nocivo, altri 3 deferimenti per le aste clandestine di pesce scoperte in città nel febbraio del 2007 e multe da 1032 euro per 6 armatori pugliesi coinvolti nella cosiddetta “guerra del pesce” con la marineria locale.

VASTO. Due persone segnalate alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Vasto (Chieti) per l'abbandono, nella riserva naturale di Punta Aderci, di fusti contenenti sgrassante altamente nocivo, altri 3 deferimenti per le aste clandestine di pesce scoperte in città nel febbraio del 2007 e multe da 1032 euro per 6 armatori pugliesi coinvolti nella cosiddetta “guerra del pesce” con la
marineria locale.
Importanti sviluppi, a Vasto, per le tre inchieste avviate lo scorso anno dalla polizia marittima. Li ha
annunciati ieri mattina il tenente di vascello Ivan Savarese, comandante Guardia Costiera.
Tre i presunti responsabili individuati nell'ambito dell'indagine, condotta insieme a carabinieri e vigili urbani, «all'alba del 16 febbraio del 2007», ha ricordato il responsabile dell'Ufficio Circondariale Marittimo, «che ha condotto alla scoperta di un mercato ittico abusivo in un edifico in costruzione in via del Porto, dove di notte si allestiva una vera e propria asta clandestina del pesce, che ha portato al sequestro di circa 60 quintali di prodotto ittico fresco e congelato, conservato in maniera non idonea' in frigoriferi fuori norma ed arrugginiti e lasciando il pescato a contatto con polvere, cemento del cantiere e lana di vetro».
Due imprenditori di Vasto sono stati, invece, segnalati alla magistratura per aver abbandonato 4 fusti contenenti sgrassante altamente inquinante e potenzialmente dannoso per la salute
umana, denominato '1065 A', prodotto da un'azienda della provincia di Macerata, lungo la caratteristica spiaggia di Punta Aderci, all'interno dell'omonima riserva naturale regionale.
Novita' anche in merito alla “guerra del pesce” tra la piccola marineria di Vasto Marina (Chieti) ed i pescherecci di Bisceglie (Barletta-Andria-Trani) e Molfetta (Bari), accusati di aver sconfinato superando, in 2 circostanze accertate dai militari, il limite delle 3 miglia, tranciando le
reti e rubando il pesce ai piccoli pescatori locali.
Gli uomini della Guardia Costiera si sono aiutati con videocamere e macchinette fotografiche, ma anche col sistema satellitare 'Blu Box', che permette di rintracciare gli spostamenti in mare di
tutti i motopescherecci d'Italia.
Sei gli armatori segnalati alla procura per danneggiamento.
Sono stati anche costretti a pagare 1.032 euro di multa a testa per aver pescato abusivamente
sotto costa, nella fascia riservata alla marineria vastese.
Nel corso del 2007, il 'Circomare' di Vasto ha scoperto 196 illeciti amministrativi, circa il doppio rispetto all'anno precedente, comminando sanzioni per 75 mila 822 euro ed ha informato l'autorita' giudiziaria di 32 reati scoperti, contro i 15 del 2006.
29/01/2008 9.01