Lavori pubblici e finanze, sabato a Montesilvano il direttivo nazionale

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

845

MONTESILVANO. Sabato 26 gennaio, presso il Serena Majestic di Montesilvano, si riunirà il direttivo nazionale della Flp-federazione Lavoratori Pubblici- Finanze.
0ltre a fare un'analisi del voto sulle recenti elezioni Rsu, in cui la Flp ha ottenuto più del 17% nel comparto agenzie fiscali, si decideranno le iniziative da intraprendere su tutto il territorio nazionale, dal momento che i dipendenti delle agenzie fiscali hanno il contratto economico scaduto.
«I risultati del voto per le elezioni Rsu», affermano Donato Fioriti, della direzione nazionale Flp (Federazione Lavoratori Pubblici) e Massimo Filippello segretario regionale abruzzese- evidenziano una netta affermazione della Flp nel Comparto Pubblico Impiego».
La Flp, a livello nazionale, ha incrementato i voti del 15% nel Comparto Ministeri ed ha superato il 7% nel Comparto Agenzie Fiscali, con un incremento di oltre il 25%, ha raggiunto l'11% nel Comparto Presidenza del Consiglio dei Ministri, confermandosi il primo sindacato.
Eclatanti il 61% alle Entrate di Barletta, il 57% opere pubbliche infrastrutture, il 40% enti Difesa Veneto, il 71% TAR Toscana.
«La FLP Abruzzo- confermano il dirigente nazionale Fioriti e l'abruzzese Filippello- si conferma al 1° posto nel contesto nazionale del rapporto dipendenti-eletti RSU. Nella nostra regione- proseguono Fioriti e Filippello- la FLP ottiene il 17% di media all'Agenzia delle Entrate, con una punta del 30% a Chieti, dove è il secondo sindacato, e del 25% a Pescara, dove diventa il primo sindacato. Ottiene il 20% di media regionale al Lavoro, con una punta del 60% alla Direzione Provinciale del Lavoro di Chieti. Guadagna il 25 % a L'Aquila, in Corte D'Appello, Tribunale dei Minori e Ufficio Unep. Una
responsabilità- concludono Fioriti e Filippello - che, di fronte ad un contratto scaduto da tempo, impone l'azione, per il bene dei lavoratori e del servizio pubblico rivolto ai cittadini. Per questa ragione, alla presenza del segretario generale confederale dott. Marco Carlomagno, sarà ratificato lo stato di agitazione, già pre- attivato con assemblee sui posti di lavoro di tutti gli uffici abruzzesi e nazionali».

26/01/2008 9.31