Vigili fermi di notte. Fi: «il Comune faccia qualcosa»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

716

  PESCARA. A partire dalle ore 22 di ieri il Comando di polizia municipale di Pescara ha cessato ogni servizio d'istituto sino alle ore 6 del giorno successivo. «La disposizione», ha spiegato il comandante Ernesto Grippo, comportera' che nella fascia oraria 22-06 non sara' piu' assicurato alcun servizio».


 
PESCARA. A partire dalle ore 22 di ieri il Comando di polizia municipale di Pescara ha cessato ogni servizio d'istituto sino alle ore 6 del giorno successivo. «La disposizione», ha spiegato il comandante Ernesto Grippo, comportera' che nella fascia oraria 22-06 non sara' piu' assicurato alcun servizio».


La decisione, dolorosa è forzata, ha spiegato Grippo, è dovuta al fatto che gli agenti non hanno in dotazione la pistola. Il blocco, quindi, non sarebbe altro che «il rispetto della normativa vigente che consente lo svolgimento di tali servizi esclusivamente con l'arma in dotazione».
Nel marzo 2007 il comando, secondo quanto deliberato dal consiglio comunale si è attivato per la fornitura delle armi «ma ad oggi», ha ricordato Grippo, «non è stata ancora definita la procedura per la selezione psico-attitudinale del personale da destinare ai servizi armati. Assicuriamo il massimo impegno - conclude il colonnello - per addivenire in tempi relativamente brevi a risolvere tutte le questioni ancora aperte al fine di garantire di nuovo il servizio notturno in condizioni di sicurezza per il personale della polizia municipale che sino ad oggi ha assicurato ogni servizio con spirito di sacrificio, abnegazione ed alto senso del dovere».
La decisione però non è piaciuta a Forza Italia, che tramite il suo consigliere comunale Guerino Testa ha obiettato: «il provvedimento comporterà sicuramente una serie di problemi, in città».
Anche perché adesso, come ha fatto notare Testa, «Polizia e carabinieri dovranno occuparsi anche della rilevazione degli incidenti stradali, togliendo tempo e forze alle attività legate alla prevenzione».
«Ciò che stupisce», ha aggiunto Testa, «è la mancanza di intervento da parte del Comune in questa vicenda. Nessuno si è preoccupato dell'imminente blocco delle attività notturne dei vigili, preannunciata da tempo, e nessuno ha ritenuto opportuno intervenire a tutela della cittadinanza. Insomma si fa finta di nulla».


16/01/2008 11.33