Consiglio comunale approva metanizzazione e programmi complessi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

667

PIANELLA. Il Consiglio comunale di Pianella ha approvato quest’oggi tutte le delibere all’ordine del giorno relative all’estensione della rete metanifera e a due programmi complessi.
«Prosegue il programma avviato dall'amministrazione comunale per ampliare le zone della città coperte dalla rete del metano – ha spiegato l'assessore Antonio Faieta -. Il prossimo intervento interesserà la zona di Cerratina situata di fronte all'Ufficio postale. Anche in questo caso sarà necessario varare una minima deroga per consentire l'installazione delle condotte a una profondità inferiore rispetto alla normativa, a margine della sezione stradale, dunque senza creare alcuno ostacolo alla viabilità».
Il Consiglio ha poi approvato la riduzione delle volumetrie previste nel progetto edilizio proposto dalla Ditta Progetti Srl e Morelli Giuliano a Cerratina e la proposta di Piano integrato della Ditta Spinozzi Barbara e Simona in contrada Vicenne nord.
«Secondo la proposta originaria – ha proseguito l'assessore Faieta – la ditta realizzerà, come opere pubbliche, il marciapiede e la pubblica illuminazione nell'area interessata dall'intervento. Il progetto però tornerà ancora in giunta per vagliare la possibilità di inserire altre opere pubbliche che il privato dovrà realizzare e cedere al Comune».
Al termine della seduta consiliare, il sindaco, l'onorevole Giorgio D'Ambrosio, ha comunicato la revoca delle deleghe all'ex assessore ai lavori pubblici Gianni Filippone, ed ha ufficializzato che il consigliere Vincenzo Di Giamberardino ha invece riconsegnato le proprie deleghe (servizi in concessione) con atto dello scorso 5 dicembre, «una semplice alternanza che darà una nuova spinta propulsiva all'azione di governo a fine mandato», ha spiegato lo stesso sindaco.
Entro il mese di gennaio si svolgeranno le consultazioni in seno alla maggioranza di governo per vagliare l'opportunità di individuare un nuovo nome cui affidare la carica di assessore, riportando la giunta a 6 componenti, ed eventualmente anche la possibilità di un rimpasto delle deleghe.


15/01/2008 15.18