Cimiteri. Centrodestra: «gravi irregolarità nell’affidamento in concessione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

25280

Cimiteri. Centrodestra: «gravi irregolarità nell’affidamento in concessione»
PESCARA. Una procedura con qualche analogia con quella -“sanzionata” dal Tar- dell’area di risulta. I consiglieri comunali del centrodestra questa mattina hanno ribadito la loro contrarietà all'affidamento all'esterno dei servizi cimiteriali di Pescara osservando come anche in questo caso il consiglio comunale sia stato «estromesso».
Secondo l'opposizione tutto sarebbe più chiaro dopo la sentenza emessa sul caso dell'area di risulta che impone una discussione aggiuntiva riguardo le tariffe dei parcheggi cosa che probabilmente andava fatta anche per l'affidamento all'esterno servizi cimiteriali.
L'opposizione ne è convinta anche perché «c'è stato un enorme aumento delle tariffe dei servizi, anche 5-6 volte» è stato detto. Ma è stato fatto notare che «dati precisi e certi sul raffronto sulle tariffe prima e dopo l'affidamento non è mai stato fornito all'amministrazione».
Secondo Albore Mascia (An) sarebbero state riscontrate «molte violazioni» adombrando anche l'ipotesi di «risvolti penali» per il «modo carbonaro di amministrare».
«Occorre di sicuro prendere coscienza e fare qualcosa per porre rimedio a questa dubbia privatizzazione», ha detto.
E' stata poi presentata una interrogazione a risposta orale che verrà discussa nel prossimo consiglio comunale utile e firmata da Mascia, Carlo Masci (Udc), Marcello Antonelli (An) i quali chiedono al sindaco quali siano i provvedimenti che intenda adottare «al fine di ripristinare l'indispensabile legittimità e illegalità del procedimento amministrativo».
Inoltre l'opposizione chiede al primo cittadino «quali iniziative intenda assumere per eliminare i maggiori oneri tariffari che gravano sui cittadini pescaresi in considerazione dei rilevanti aumenti delle tariffe la cui generale disciplina è stata completamente sottratta alle valutazioni di congruità spettanti per legge al Consiglio»
Sull'intera procedura, tra le altre cose, pende un ricorso straordinario al presidente della Repubblica e non si escludono sorprese.
Si ricorda che l'amministrazione comunale con le determine dirigenziali del 24 e 27 marzo 2006 ha aggiudicato all'associazione temporanea di imprese “Delta Lavori spa” di Angelo De Cesaris poi costituitasi in società di progetto denominata "Fidia" la concessione per la progettazione dei lavori di ampliamento oltre alla gestione e manutenzione dei cimiteri di San Silvestro e colle Madonna. Lo strumento utilizzato è stato il progetto di finanza.
L'intera procedura amministrativa è stata portata a compimento esclusivamente e per mezzo di delibere della giunta comunale e di determine di dirigenti.
Il tribunale amministrativo di Pescara nella sentenza del 22 novembre 2007 ha ribadito tra i motivi determinanti l'accoglimento del ricorso per l'annullamento della gara dell'area di risulta che il consiglio non aveva mai deliberato una specifica disciplina generale sulle tariffe e che appariva «irrilevante» la circostanza che la concessione era genericamente prevista nel programma triennale dei lavori pubblici.
La sentenza in definitiva ha stabilito che il consiglio comunale avrebbe dovuto intervenire sull'aspetto in contestazione (cioè sull'affidamento della gestione) «prima ancora dell'approvazione dell'atto di aggiudicazione della gara e prima ancora della stipula della relativa convenzione con l'impresa vincitrice della gara».

L'ASSESSORE BALDUCCI:«TARIFFE E PROCEDURE REGOLARI»

«Nell'ambito della gestione dei cimiteri nulla è variato circa l'organizzazione di un servizio da sempre gestito con uguali modalità (concessioni, di aree, loculi ecc.). Per quanto concerne la concessione, la previsione del project financing per entrambi i cimiteri è stata espressamente prevista all'interno del Bilancio 2004 e della relativa annualità del Piano Triennale delle Opere Pubbliche».
Ha risposto così questa mattina Balducci precisando i punti emersi nella conferenza stampa del centrodestra.
«Relativamente alla disciplina generale delle tariffe», ha detto,«si ribadisce che le tariffe cimiteriali non sono variate nella loro generalità, in quanto da tempo in uso da parte dell'Ente e più volte adeguate dalla Giunta Municipale (delibera di Giunta n. 2456 del 30/12/92; del. di Giunta n. 1051 del 14/10/97 e del. di Giunta n. 833 del 28/12/2001). Per quanto concerne specifiche innovazioni del sistema tariffario (agevolazioni, contributi ed altro non previsti in precedenza dai Regolamenti comunali) è in via di elaborazione un Regolamento (rectius una “Disciplina Generale”) che verrà ovviamente portato a breve all'attenzione del Consiglio Comunale».
Saranno valutate inoltre, promette Balducci, «le istanze sollevate».
Balducci fa notare inoltre che le condizioni dei cimiteri sono notevolmente migliorate (fatto che viene ammesso anche dal centrodestra che aggiunge «a quale prezzo?»)

12/01/2008 14.06