Teatro di Teramo, Mura: «i lavori andranno avanti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1048

TERAMO. In seguito alle recenti notizie, su presunti problemi nella realizzazione dei lavori di riqualificazione del Teatro Romano di Teramo, l'assessore alla Cultura, Elisabetta Mura, ristabilisce l’ordine. E tra qualche giorno in città anche piazza Garibaldi si rifarà il look.

TERAMO. In seguito alle recenti notizie, su presunti problemi nella realizzazione dei lavori di riqualificazione del Teatro Romano di Teramo, l'assessore alla Cultura, Elisabetta Mura, ristabilisce l'ordine. E tra qualche giorno in città anche piazza Garibaldi si rifarà il look.


Nessun intoppo. E' tutto sotto controllo. A sentire l'assessore Betty Mura «i lavori del teatro romano proseguiranno secondo la tempisitica prevista dai progetti finanziati dalla Regione».
Ieri l'assessore ha tenuto anche una riunione congiunta con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (a cui la Regione Abruzzo ha affidato la realizzazione dell'intervento) e adesso le acque saranno costrette a placarsi.

In merito alla realizzazione dell'intervento, l'assessore ha anche fatto sapere che «la settimana prossima incontrerà l'amministrazione comunale di Teramo per proseguire insieme il percorso avviato con la firma del protocollo d'intesa tra la Regione Abruzzo ed il Comune di Teramo sulla riqualificazione del Teatro Romano, e per delineare le azioni comuni da adottare sino alle fine dei lavori».

L'assessore ed Anna Maria Reggiani, direttrice Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, hanno inoltre invitato la stampa, «a evitare la pubblicazione di notizie distorte ed il diffondersi di inutili allarmismi».

A PIAZZA GARIBALDI LAVORI IN VISTA

E tra qualche giorno a Teramo partiranno anche i lavori (il cantiere è già stato consegnato all'impresa Costruttori di Senigallia) per la costruzione dell'ipogeo a Piazza Garibaldi.
Sarà una piazza sotto la piazza con collegamenti al sottopassaggio esistente. La sfera di Mastrodascio abbandonerà la fontana e verrà spostata nella Villa Comunale.
Trasloco in vista anche per la fontana che lascerà il posto ad una «copertura inclinata dotata di finestre per dare luce alla piazza sommersa».
Si comincerà subito a lavorare sulla copertura, poi si toccherà al sottosuolo dove sono previste 2 sale una da 900 metri quadrati proprio sotto la fontana e l'altra da 200mq con un atrio collegato direttamente al nuovo sottopasso in un'area adiacente la Pinacoteca.
La più grande sarà polifunzionale attrezzata per concerti, congressi mentre l'altra ospiterà manifestazioni minori.
Per l'accesso a questa seconda sala ci sarà una struttura vetrata a chiocciola che partirà dalla Pinacoteca ma si potrà accedere anche dal nuovo sottopasso dove è situato l'ingresso dell'atrio (e assicurano che non mancheranno gli ascensori per i disabili).
Tutta l'opera costerà 2,582 milioni e richiederà 18 mesi di lavoro.

11/01/2008 11.32