Droga: traffico scoperto nel foggiano, arresti anche in Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4928

ABRUZZO. Facevano arrivare la droga dall'Albania a San Severo (Foggia) per poi smerciarla in Molise, Abruzzo e Lazio. Sono 21 le persone arrestate ieri mattina nell'operazione, denominata Effetto Domino, portata a termine dagli agenti di polizia del commissariato di San Severo che hanno scoperto un traffico internazionale di droga, in particolare eroina. ALTRI SPACCIATORI ARRESTATI A FRANCAVILLA E TERAMO
Il tutto era gestito, secondo gli investigatori, dalla famiglia Barra, Michele e Giampiero Francesco Barra, di 36 e 35 anni, e un terzo ancora ricercato. Il gruppo già noto agli inquirenti si era aggiunta anche la mediazione di una donna, Luciana Roncade, di San Severo che era la contabile e ritenuta la "manager" dell'associazione: era lei, infatti, che prendeva i contatti con gli albanesi per ordinare i quantitativi di eroina da far giungere in provincia di Foggia ed era sempre lei che controllava la qualita' della merce.
La base operativa dell'organizzazione era il quartiere di San Berardino a San Severo dove erano fissati anche gli appuntamenti con gli acquirenti che giungevano dalle altre regioni per acquistare ingenti quantitativi di droga.
Tra le persone arrestate anche Marco Angelucci, imprenditore del settore edile e delle ceramiche di Lanciano (Chieti). Un'operazione che conferma che San Severo e' una piazza importante per lo spaccio di eroina: due anni fa fu trovata una valigetta contenente tre chili di eroina, nascosta in un giardino di una scuola pubblica.

GLI ARRESTI IN ABRUZZO

Non solo Lanciano e Casoli (Chieti), ma anche Vasto e San Salvo Chieti) le località della provincia teatina dove, con la collaborazione dei colleghi locali, la polizia di stato di San Severo Foggia) ha eseguito oggi 24 ordini di custodia cautelare in carcere e ai domiciliari.
A San Salvo gli agenti hanno arrestato Leandro Zonzo, 27 anni e Angela Mareglia, 24 anni, mentre a Vasto Guerino Cerelli, 43 anni e la moglie, Loreta Spinelli, 42 anni, entrambi di etnia rom.
A Termoli (Campobasso) dove risiede, e' stato arrestato inoltre Giovanni Giuliano, 31 anni, originario di San Salvo, che negli anni scorsi subì una lunga carcerazione preventiva nell'ambito dell'inchiesta legata alla morte della fidanzata, la ventenne Stella Scutece, di San Salvo, dopo un litigio travolta in retromarcia, nottetempo, in una stradina della zona industriale di San Salvo, dalla Ford 'Mondeo' dell'uomo, poi scagionato dall'accusa di omicidio volontario e condannato per il solo omicidio colposo a 18 mesi di reclusione, nel gennaio 2006, dalla corte d'assise di Lanciano. Gli uomini arrestati oggi dalla Polizia sono in carcere a Vasto e Larino (Campobasso), le donne a Foggia. Per tutti l'accusa e'
di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

A TERAMO ARRESTATO UN PUSHER

Ieri i carabinieri di Teramo hanno arrestato un giovane per spaccio di droga e lo hanno denunciato per detenzione abusiva di proiettili per arma da sparo.
I militari sono arrivati a lui tramite un suo "cliente", fermato poco prima a bordo di un'auto. Si tratta di un 28 enne teramano che è stato trovato in possesso di una dose di eroina appena acquistata da D.S.M di 21 anni.
L'immediata perquisizione domiciliare nell' abitazione del pusher ha consentito di rinvenire altri 3 grammi di eroina suddivisa già in 12 dosi e pronta per lo spaccio. Inoltre sono stati trovati 4 flaconi da 20 mg di metadone, 5 pasticche di subutex e 2 cartucce, calibro 9 e
7,65 di fabbricazione italiana per armi da sparo.
D.SM. è stato arrestato, mentre l'altro giovane assuntore è stato segnalato alla locale prefettura quale consumatore di sostanze stupefacenti.

10/01/2008 9.49

A FRANCAVILLA ARRESTATI DUE SPACCIATORI DOPO INSEGUIMENTO

Alle ore 16,30 circa di ieri i carabinieri di Chieti nei pressi della rotonda della Fondo Valle Alento hanno tentato di fermare uno scooter di grossa cilindrata con due uomini a bordo che procedevano lentamente come se aspettassero qualcuno.
Ma l'alt intimato non è bastato perché i due si fermassero: lo scooter, infatti, ha intrapreso una folle corsa per dribblare i militari lungo la nuova circonvallazione.
Durante l'inseguimento il passeggero ha buttato via alcuni involucri ma in zona Miglianico, nell'affrontare a forte velocità una rotonda, i due sono finiti fuori strada.
Hanno tentato di scappare a piedi, senza però riuscirci.
I due pregiudicati, Denis Caprini di 31 anni (conducente) e Daniele Ciliberti, di 26 anni (passeggero) sono stati arrestati e condotti nel carcere di Chieti.
I militari, con l'ausilio dei colleghi di Ortona, hanno recuperato anche gli involucri gettati durante l'inseguimento, contenenti mezzo grammo di cocaina e due grammi di eroina.
Le perquisizioni domiciliari hanno fatti ritrovare invece tre bilancini di precisione, mezzo grammo di hashish, sette grammi di cocaina, sei grammi di eroina, sette grammi di sostanza da taglio e vari ritagli di cellophane utilizzati per confezionare le dosi.
A Caprini è stata elevata anche una multa per le numerose infrazioni al Codice della Strada commesse durante l'inseguimento.

10/01/2008 11.00