Aumenti Tarsu. La protesta continua: «il Comune deve bloccare la delibera»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1175

ROSETO (TE).Il Comitato contro l'aumento della Tarsu ha fatto il punto della situazione a pochi giorni dalla scadenza dei termini del 31 dicembre prossimo ha rinnovato la richiesta al Sindaco di ritirare gli aumenti.
Il comitato, su richiesta, è stato ricevuto collettivamente dal dirigente direttore della Ragioneria, Rosaria Ciancaione responsabile del settore, la quale, rispetto alle domande dei numerosi cittadini e delegati partecipanti, ha fornito informazioni tecniche e procedurali sull'atto di indirizzo della Giunta Comunale circa le modalità per la effettuazione dei pagamenti residui e contestati anche nei mesi di marzo e aprile del 2008.
Ciancaione ha anche chiarito i contenuti della determinazione n. 257 del 25.5.2007 dello stesso Direttore di ragioneria con la quale si stabilivano le nuove tariffe a metro quadrato per il calcolo della Tarsu per l'anno 2007 e successivi.
Il Comitato, a due giorni dalla scadenza dei termini, «ritiene che la giunta municipale si stia assumendo una pesante responsabilità nel mancare ancora una volta l'occasione utile per la soluzione definitiva del problema Tarsu anche per il futuro: che comporta il ritiro degli aumenti, praticabile a tutt'oggi, attraverso una mirata variazione del bilancio 2007, e la riduzione dei coefficienti e delle tariffe in euro per metro quadro applicati alle varie categorie di riferimento».
In assenza di deliberazioni i cittadini procederanno anche nel nuovo anno con la contestazione legale dei bollettini di versamento («poiché anche chi ha già pagato può fare ricorso per ottenere dalla Soget la restituzione a conguaglio delle somme eventualmente versate in più rispetto al dovuto»), e certamente si allargherà la protesta.

29/12/2007 10.26