Randagismo: il sindaco Chiodi sollecita la Asl

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

865

TERAMO. «Dopo un periodo fruttuoso, ci si trova in una fase di stallo ed è così necessario ripristinare la collaborazione tra i due enti».
Il sindaco di Teramo Gianni Chiodi ha inviato nei giorni scorsi una lettera al Direttore Generale della ASL, Mario Molinari, nella quale torna a fare il punto sul fenomeno del randagismo.
La missiva fa riferimento ai colloqui verbali intrattenuti sulla questione e ai ripetuti interessamenti del Consigliere Comunale Camillo De Remigis, delegato alla tutela degli animali. La ragione che spinge il primo cittadino ad interessare il Manager dell'azienda sanitaria è nel rilevamento di una situazione di staticità nell'affrontare il fenomeno, considerato soprattutto che «da oltre sei mesi il controllo del territorio è bloccato, la microchippatura estremamente ridotta e la sterilizzazione assolutamente inadeguata».
La situazione è particolarmente preoccupante, sostiene il sindaco, perché giunge dopo un periodo in cui la collaborazione tra amministrazione comunale e servizio veterinario della Asl aveva dato ottimi risultati: «in poco tempo - prosegue il sindaco - un team affiatato composto da uomini del Comune e della ASL ha consentito di iscrivere all'anagrafe migliaia di animali, controllare parte del territorio al fine di disporre di un costante monitoraggio della popolazione animale vagante e padronale e procedere all'individuazione e sterilizzazione di un considerevole numero di capi, altrimenti destinato a riprodursi».
Attualmente, invece, «si è scaduti in una negativa staticità che rischia di compromettere l'ottimo lavoro svolto».
Il sindaco, quindi, passa a considerazioni concrete, tracciando un profilo degli impegni da assumere nell'immediato futuro: «ricostruire un team capace e volenteroso che ci consenta la prosecuzione dell'opera intrapresa, estendere la pratica della sterilizzazione agli animali di proprietà e disporre di un servizio di pronto intervento, garantito 24 ore su 24».

27/12/2007 16.46