Alitalia, «il cda ha scelto Air France». Toto non ce la fa

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2128

Alitalia, «il cda ha scelto Air France». Toto non ce la fa
ROMA. Il Cda di Alitalia, dopo una riunione di otto ore ha sciolto la prognosi e ha scelto Air France-Klm come acquirente della quota del 49,9 per cento detenuta dal Tesoro.


LA VIGNETTA DI GIO



Le altre due candidature sono quelle di AirOne e della cordata.
L'ultima parola, però dovrà arrivare dal Governo che ha già fatto sapere che non si pronuncerà prima del nuovo anno.
Il parere del cda di Alitalia non è dunque definitivo ma questa non è una buona notizia per l'imprenditore teatino Carlo Toto che fino alla settimana scorsa contava il favore del mondo della politica.
Decisive, quindi, saranno le prime settimane del nuovo anno, quando probabilmente la compagnia di bandiera avrà un nuovo membro.
Che sia l'Italia o la Francia?
In prossimità dell'inizio del cda della compagnia il titolo in borsa è passato in rosso e chiudendo e ha chiuso con un minimo a -4%. Nell'ultima settimana le azioni Alitalia hanno perso quasi il 20%.
21/12/2007 18.18

AP HOLDING: «PROFONDAMENTE CONVINTI DEL NOSTRO PIANO»

E dopo la decisione la AP Holding ha dichiarato di restare «profondamente convinti» che il proprio progetto sia quello che «risponde nel modo migliore e più completo a tutti i requisiti necessari per il risanamento e rilancio di Alitalia e, soprattutto, che è il più conforme ai profili di interesse generale a cui il Governo si è sempre ispirato».
A valutare le indicazioni espresse dal CdA sarà il Governo, e la crdata di Toto è certa che «garantirà la soluzione più rispondente ai bisogni del Paese, dei cittadini, delle imprese italiane e di Alitalia stessa».
«Riteniamo», continua Ap, «in questa fase utile e necessario presentare il nostro piano, nella sua completezza, direttamente al Governo per un esame approfondito dei suoi aspetti industriali e finanziari e delle sue implicazioni sul Sistema Paese. Le linee guida strategiche del piano sono state da noi illustrate nei giorni scorsi, con grande trasparenza, alle Organizzazioni Sindacali e alle Associazioni professionali, alla stampa e a tutti gli italiani che le possono consultare online. Riteniamo infatti che essere trasparenti è un dovere per un'azienda che si propone per un progetto di tale rilevanza».

LE CARTE VINCENTI DI AIR- FRANCE

Per il cda di Alitalia l'offerta di Air France-Klm è stata quella che offre alla società (come spiega una nota inviata dalla compagnia francese) «nell'attuale stato la soluzione appropriata per la salvaguardia del complessivo patrimonio dell'azienda e per promuovere il suo rapido e duraturo risanamento grazie al beneficio delle sinergie derivanti dall'integrazione in un contesto internazionale».
Il piano industriale presentato dai francesi è quindi ritrenuto idoneo a «risolvere le criticità di tipo strategico, industriale e finanziario di Alitalia».
Air France ha chiesto che il governo esprima il «suo orientamento con una tempistica che non si discosti significativamente da quella prospettata» di metà gennaio.
Air France si è impegnata a conservare e valorizzare il marchio, il logo e la livrea Alitalia «con pari dignità rispetto alle altre due compagnie del gruppo e a mantenere una adeguata copertura del mercato italiano ed un appropriato livello di servizio sia a livello nazionale che internazionale e intercontinentale».
«Siamo molto onorati di prendere atto che il nostro piano è stato riconosciuto come il più adatto ad assicurare il futuro di Alitalia. La nostra ambizione è che Alitalia possa beneficiare della strategia di crescita redditizia già perseguita con successo da Air France-KLM», ha detto in una nota Jean-Cyril Spinetta, Presidente-Direttore Generale (PDG) del Gruppo.

NUOVA FLOTTA

Il piano prevede il rinnovamento della flotta (in particolare, la completa sostituzione degli MD80 entro il 2017 e dei B767) e una crescita graduale e costante nel tempo a partire dal 2011 (con un volume complessivo di investimenti di 6,5 miliardi di euro). Prevede il miglioramento della qualità del servizio al cliente e delle performance operative in termini di puntualità e affidabilità del prodotto, prevedendo significativi investimenti sull'allestimento e sul prodotto di bordo, oltre che sui servizi al passeggero, in modo da rilanciare e rafforzare la posizione competitiva di Alitalia, valorizzandone il marchio. L'offerta di Air France-Klm, offre la possibilità di accedere alla Joint Venture sul Nord Atlantico con alcuni partner SkyTeam tra i quali Delta.
22/12/2007 9.00