Villaggio del Mediterraneo e ricettività, Chieti getta la spugna?

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3127

Villaggio del Mediterraneo e ricettività, Chieti getta la spugna?
UN DOCUMENTO UN GIALLO. CHIETI. Che il Comune di Chieti stia per gettare la spugna per la questione Villaggio del Mediterraneo dei Giochi del Mediterraneo 2009? Il sentore c'è, viste anche le grandi difficoltà che da sempre ruotano intorno alla realizzazione della struttura e ai tempi strettissimi di consegna.
La novità arriverebbe da una lettera firmata dall'assessore al Turismo Paolo Tamburro e il sindaco di Chieti Francesco Ricci.
La lettera è stata inviata lo scorso 7 dicembre all'assessore regionale al Turismo Enrico Paolini, al presidente della IV commissione Turismo della Regione Augusto Di Stanislao e al dirigente del settore Turismo Sergio Marciani.
L'oggetto recita: "grande evento Giochi del Mediterraneo 2009, ricettività alberghiera".
Una corrispondenza “top secret”, che però viene svelata dal consigliere comunale di An Albore Mascia che ne ha avuto notizia e la gira così ai giornali. Secondo l'interpretazione di Mascia la lettera mirerebbe a trovare soluzioni alternative in caso di insuccesso nell'operazione Villaggio.
«Pescara si è fatta scippare la possibilità di ospitare il Villaggio del Mediterraneo a favore di Chieti e ora la stessa Chieti non sembra più in grado di realizzare il complesso».
La lettera rappresenta secondo Mascia «un vero giallo» – ha spiegato il consigliere Albore Mascia.
Nella lettera si fa esplicito riferimento all'evento dei Giochi e al problema della ricettività alberghiera, il sindaco e l'assessore al turismo chiedono alla Regione di «individuare un intervento legislativo per poter creare nuova ricettività servendosi del patrimonio alberghiero esistente e di quello in corso di realizzazione utilizzando le superfici esistenti che ricadono all'interno delle sagome dei fabbricati».
E questo perché «difficilmente si potranno ultimare nuovi alberghi per la primavera del 2009» sulla base dei fondi concessi con la legge 77/2000.
Il significato della lettera, secondo il consigliere Albore Mascia «è chiaramente un appello di Chieti che, evidentemente, al di là dei proclami e delle serate di gala organizzate per coprire le apparenze, sa di non poter garantire la conclusione dei lavori di costruzione del Villaggio del Mediterraneo prima dell'inizio dei Giochi e quindi sta cercando una sponda presso la Regione per reperire altrove sul territorio in piena emergenza le strutture alberghiere per la ricettività».
«A questo punto», chiede Mascia, «ritengo necessario che il vicepresidente Paolini dia spiegazioni chiare in merito alla lettera ricevuta dal sindaco di Chieti o dovrà essere il sindaco D'Alfonso a chiedere spiegazioni alla Regione per sapere se Chieti è realmente in grado o meno di realizzare il Villaggio per poter eventualmente trovare soluzioni alternative in tempo ed evitare la figuraccia».
Veri problemi o interpretazione troppo estensiva della missiva?

15/12/2007 13.54


LA LETTERA