Un monumento ad Andrea Golfera il pilota caduto con il Canadair

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1576

L’AQUILA. A quattro mesi dalla tragedia in cui ha perso la vita Andrea Golfera, il Comando Regionale dell’Abruzzo del Corpo forestale dello Stato intitola un monumento alla memoria del pilota della Protezione Civile, un eroe dei nostri giorni. Illustrati per l’occasione i dati del 2007 sugli incendi boschivi dell’Abruzzo.
Il pilota della Protezione Civile Andrea Golfera lo scorso 23 luglio perdeva la vita precipitando con il suo canadair durante l'opera di spegnimento di un vasto rogo nei pressi del Comune di Acciano (AQ).
A poco più di quattro mesi dalla tragedia, divenuta simbolo dell'emergenza incendi che questa estate ha messo a fuoco l'intera Penisola, alle ore 11.00 presso la sede del Comando Regionale dell'Aquila del Corpo forestale dello Stato, è stata inaugurato il Monumento al Forestale che è stato intitolato alla memoria del pilota scomparso.
La statua in pietra, opera dell'artista e assistente della Forestale Valter Di Carlo, è stata benedetta dal Vescovo di L'Aquila Monsignor Giuseppe Molinari.
A rappresentare le Istituzioni, il Capo del Corpo forestale dello Stato Cesare Patrone, il Sottosegretario di Stato alle Politiche agricole alimentari e forestali Stefano Boco, il Presidente della Regione Abruzzo Ottaviano Del Turco e moltissimi Sindaci dei Comuni abruzzesi.
Subito dopo la cerimonia di commemorazione il Comando Regionale dell'Abruzzo del Corpo forestale dello Stato ha presentato i dati regionali sugli incendi boschivi del 2007 e tracciato un bilancio sulle attività condotte dalla Forestale a supporto della realizzazione del catasto delle aree bruciate.
Prima fra tutte la banca dati con la mappatura delle aree percorse dal fuoco, messa a disposizione dei circa 135 Comuni abruzzesi colpiti dai roghi estivi.
Grazie al catasto, istituito dalla legge quadro 353/2000 e obbligatorio per tutti i Comuni, viene congelata per 15 anni la destinazione d'uso del terreno percorso da un incendio e per 10 anni scatta il divieto di edificarvi ed esercitare caccia e pastorizia.
Da 7 anni, da quando è stato introdotto il reato di incendio boschivo, il Corpo forestale dello Stato ha realizzato un sistema di rilevazione delle aree incendiate, tramite tecnologia GPS, che è a disposizione degli enti locali che lo richiedano.
Si tratta di un'applicazione del Sim (Sistema informativo della montagna) accessibile oggi attraverso Internet (www.simontagna.it) grazie a una procedura semplificata.
L'incontro odierno ha avuto la finalità di rendere note le modalità di fruizione delle informazioni sulle aree percorse dal fuoco, in Abruzzo rilevate dai Forestali nella loro totalità, per la realizzazione del catasto degli incendi.

13/12/2007 16.26