Emergenza idrica a Paganica: approvato stanziamento di 100 mila euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

782

PAGANICA (AQ). Uno stanziamento di 100 mila euro dalla Regione Abruzzo per finanziare interventi finalizzati alla mitigazione dell'emergenza idrica che da tempo si registra nel comprensorio di Paganica, con danni rilevanti per gli agricoltori.

E' la prima risposta all'assemblea pubblica che il consigliere provinciale Domenico Leone ha promosso lo scorso 26 luglio a Paganica, alla quale hanno partecipato l'assessore regionale all'agricoltura, Marco Verticelli, e numerosi rappresentanti delle istituzioni locali.
In quell'occasione l'assessore Verticelli, al quale il consigliere Leone aveva sottoposto una relazione tecnica nella quale venivano evidenziate le dispersioni lungo i canali irrigui esistenti nel territorio di riferimento, si era impegnato a finanziare gli opportuni interventi di risanamento.
«Nello specifico – afferma il consigliere Domenico Leone – si tratta di un finanziamento di 100 mila euro assegnato al Consorzio di Bonifica Aterno-Sagittario per sanare le dispersioni evidenziate nello studio, che sarà utilizzato per i canali irrigui del comprensorio di Paganica. Grazie ai fondi regionali sarà possibile razionalizzare i consumi e ridurre le perdite, aumentando la quantità di acqua disponibile per l'irrigazione. Si tratta – ha aggiunto Leone - di un primo, importante passo verso la soluzione del problema, complesso legato alla carenza idrica. Le prossime iniziative saranno rivolte al reperimento di fondi per un progetto di più ampia portata, in grado di offrire una soluzione strutturale al problema».
In particolare, lo studio realizzato dal consigliere provinciale, prevede la creazione di un invaso nella cava ex Teges per sopperire alle necessità irrigue del comprensorio, che potrebbe essere utilizzato anche dalla protezione civile in caso di incendi o, così come previsto nella relazione tecnica, per la produzione di energia elettrica per un importo pari a circa 250 mila euro l'anno, prevedendo convenzioni con società che gestiscono il mercato dell'energia elettrica. Il progetto, infine, non prevede in alcun modo la captazione delle acque del fiume Vera.

10/12/2007 9.15